Notai cattolici contro il DdL sulla concorrenza

L’Associazione Italiana Notai Cattolici, preso atto di quanto previsto nel disegno di legge sulla concorrenza proposto dal Governo Renzi, con il quale vengono derogate le tutele previste dal codice civile e dalle leggi speciali in tema di trasferimenti immobiliari, nonché delle notizie diffuse dai media nei giorni successivi, evidenzia il rischio di impatto devastante che tale norma può avere sulla tutela delle parti, sulla sicurezza delle transazioni economiche e commerciali, sulla certezza del diritto e, in particolare, nei confronti dei soggetti più deboli che si troverebbero a dover subire la schiacciante superiorità delle parti più abbienti e capaci di tutelarsi.

La nostra Associazione, da tempo attiva nel sociale per favorire le fasce meno abbienti (tra le iniziative in corso si ricorda “Un Notaio per le carceri italiane” e “il Notaio per la parrocchia”), è dalla parte dei cittadini ed è nello specifico caso schierata a favore degli stessi mirando a tutelare i diritti di questi ultimi, contro i poteri forti che tale disegno di legge tende a favorire.

Essa si batterà con forza, anche a sostegno dei massimi organismi del Notariato, affinchè la norma sia stralciata dal ddl e che un’eventuale riforma della materia, compendiata nelle nove righe del disegno di legge sulla concorrenza, venga affrontata tenendo presente le esigenze di tutti i cittadini, offrendo la completa disponibilità ad un serio dibattito politico e giuridico, che sia operato consultando gli organismi interessati del settore e gli autorevoli rappresentanti del mondo politico e della comunità giuridica, scientifica e morale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*