Nuovo ciclo di incontri sul nuovo umanesimo

Nuovo ciclo di incontri sul nuovo umanesimo

Nuovo ciclo di incontri sul nuovo umanesimo
Il corso rivolto a dirigenti scolastici, insegnanti, educatori, genitori, studenti, sacerdoti, religiosi si prefigge lo scopo di giungere all’elaborazione di un patto educativo condiviso

La Cresu in campo dopo il Convegno ecclesiale di Firenze; ecco il programma nel dettaglio
La Commissione regionale per l’educazione, la scuola e l’università della Ceu organizza il tradizionale corso di formazione e aggiornamento che quest’anno intende cogliere alcune delle piste di riflessione del Convegno ecclesiale nazionale di Firenze celebrato nel 2015, per favorire i momenti di ragionamento e proporre percorsi da rendere spendibili nel mondo della scuola.

La riflessione si estenderà anche all’enciclica di papa Francesco “Laudato Si’” e all’Anno Santo della Misericordia.

Il corso rivolto a dirigenti scolastici, insegnanti, educatori, genitori, studenti, sacerdoti, religiosi si prefigge lo scopo di giungere all’elaborazione di un patto educativo condiviso.

Di seguito il dettaglio degli incontri che si terranno all’hotel Cenacolo di Santa Maria degli Angeli alle 16,30 nei seguenti giorni: venerdì 19 febbraio si terrà la riflessione su: “Uomo e umanesimo dopo il Convegno di Firenze” con relatore don Pino Lorizio, professore ordinario di Teologia fondamentale nella facoltà di Teologia della Pontificia università Lateranense.

Il tema dell’occupazione sarà al centro dell’incontro di venerdì 4 marzo (“Quale speranza di lavoro per i giovani tra l’Umbria e il mondo”) con relatore Giuseppe Croce, professore associato dipartimento di Economia e diritto all’Università La Sapienza di Roma.

L’ultimo appuntamento sarà venerdì 18 marzo e si parlerà di: “La crisi ecologica ci interroga: nuovi stili di vita” con relatore padre Adriano Sella, missionario e coordinatore della rete interdiocesana “Nuovi stili di vita”. A richiesta sarà disponibile un attestato di partecipazione.

Nuovo ciclo

Print Friendly

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*