Padre Michael Perry: “L’ordine dei Francescani rischia la Bancarotta”

Assisi, Padre Giuseppe Renda, nuovo Custode della Porziuncola

La Curia generale si troverebbe in una situazione di grave difficoltà finanziaria, con un cospicuo ammontare di debiti. Tutto questo è venuto fuori dopo una missiva pubblicata sul sito ufficiale dei Frati minori. Padre Michael Perry, il ministro generale, avrebbe portato alla luce quanto emerso da un’indagine interna avviata nello scorso settembre, sulle attività finanziarie operate dall’ufficio dell’economato.

Dall’indagine, spiega Perry, è emerso anche che “i sistemi di vigilanza e di controllo finanziario della gestione del patrimonio dell’Ordine erano troppo deboli oppure compromessi, con l’inevitabile conseguenza della loro mancanza di efficacia rispetto alla salvaguardia di una gestione responsabile e trasparente. Inoltre, sembrano esserci state un certo numero di dubbie operazioni finanziarie, condotte da frati cui era stata affidata la cura del patrimonio dell’Ordine, senza la piena conoscenza e il consenso né del precedente né dell’attuale Definitorio generale”.

Secondo il superiore: La portata e la rilevanza di queste operazioni avrebbero messo in grave pericolo la stabilità finanziaria della Curia generale, dove vedono coinvolte persone che non sono francescane ma che sembra abbiano avuto un ruolo centrale nella vicenda. Le autorità ecclesiastiche competenti sarebbero state informate chiedendo comprensione e un contributo finanziario per far fronte all’attuale situazione.

L’Ordine si è affidato ad un gruppo di avvocati ed ha avviato una serie di iniziative “al fine di riprendere il controllo sulle attività economico-finanziarie della Curia generale”.

La notizia è arrivata anche ad Assisi e a Santa Maria degli Angeli dove i frati minori gestiscono la Basilica della Porziuncola. La vicenda riguarda la Curia generale dell’ordine e non le comunità e le basiliche di Assisi che sono chiamate in causa perché francescane.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*