Pasqua, Sorrentino: “E’ il momento di esercitare la Misericordia”

Monsignor Sorrentino: “Finisce un anno di grazia e ne inizia un altro molto importante”

ASSISI – “Pasqua significa passaggio, per gli ebrei era il passaggio dalla schiavitù alla libertà, ma anche per noi ha questo significato e Gesù con la sua morte e resurrezione, ci libera dai nostri peccati, dalle nostre fragilità, dalle nostre complessità e ci rende persone belle e forti”.

Sono questi alcuni concetti espressi dal vescovo di Assisi-Nocera Umbra-Gualdo Tadino monsignor Domenico Sorrentino in un video messaggio di auguri e di riflessioni sulla Pasqua caricato sul sito diocesano: www.diocesiassisi.it.

Nel messaggio il vescovo fa riferimento anche alle difficoltà che vengono dall’esterno: “la crisi economica, le povertà, l’anzianità, la solitudine, per non parlare della tanta violenza che caratterizza il panorama mondiale. Per questo la Pasqua getta un raggio di luce che ci mostra la bontà di Dio. Una bontà che Papa Francesco ha voluto racchiudere nel concetto di misericordia. La misericordia diventa un cammino, tutti abbiamo qualcosa da perdonare o da farci perdonare – dice ancora il vescovo – .

Io vi invito miei cari fratelli ad esercitare questa misericordia; in questo periodo la misericordia diventi effettiva attraverso opere di carità”. Monsignor Sorrentino auspica e sollecita dunque la sua comunità “a farsi carico di una persona bisognosa a cui non potete dare la soluzione ai suoi problemi ma potete dire: ‘Io sono con te’”.

Il messaggio del vescovo arriva in piena Settimana santa con l’importante calendario delle celebrazioni in atto: dopo la domenica della Palme di domenica 29 marzo e la messa crismale di mercoledì, è in programma giovedì 2 aprile alle ore 17,30 la celebrazione in Coena domini e a seguire la tradizionale “Scavigliazione”, ovvero la deposizione del Cristo dalla croce al cataletto che verrà poi portato in processione venerdì 3 aprile.

La stessa partirà dalla cattedrale di San Rufino la mattina alle ore 6,45 per arrivare, dopo aver toccato i monasteri del centro storico, alla Basilica di San Francesco. In serata la stessa processione ripartirà alle ore 19 con il Cristo Morto e la Madonna addolorata per tornare in cattedrale. Veglia di Pasqua sabato 4 aprile alle ore 22,30 nella cattedrale di San Rufino mentre il vescovo celebrerà la messa solenne del 5 aprile alle ore 11 nella concattedrale di Nocera Umbra.

Per il lunedì dell’Angelo la celebrazione presieduta da monsignor Sorrentino che impartirà anche il sacramento della Confermazione ai ragazzi è prevista alle ore 10 nella cattedrale di San Benedetto di Gualdo Tadino.

Print Friendly

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*