Personale esperienza del Cammino di Assisi

di Daniele Belluccini
ANNO 2014: è stato lo sfondo ideale per abbracciare la scelta di un esperienza fuori dai canoni, per mettersi in cammino alla scoperta delle bellezze naturali e paesaggistiche, calzando le vere trame sociali dell’essenza del nostro stivale.

Trecento chilometri zaino in spalla, in solitaria, diluiti in dodici tappe percorse con l’ausilio dei propri piedi manovrati da fede e intraprendenza.

Partenza da Montepaolo di Dovadola in provincia di Forlì, sfiorando in progressione i seguenti paesi: Rocca San Casciano, Portico, Premilcuore, Corniolo, Camaldoli, Biforco, la Verna, Caprese Michelangelo, San Sepolcro, Città di Castello, Pietralunga, Gubbio, Valfabbrica, con meta conclusiva il Santuario di Assisi.

Approcciare il “lusso” di vivere lentamente, avere il tempo di osservare e conoscere a fondo le piccole/medie realtà urbane, confrontarsi con se stessi e con chi incrocia il tuo cammino; questa è la formula cento per cento italiana di turismo sportivo/religioso sempre più vincente per le emozioni che dona.

Un ringraziamento a tutti gli “hospitaleros” dislocati lungo il cammino, a Giordano Picchi per aver ideato il percorso, al CAI nazionale per la segnaletica ben curata e una profonda stima per il sostegno della mia sezione d’appartenenza del Club Alpino Italiano di Spoleto.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*