Piatto di Sant’Antonio, il freddo non ferma la tradizione

Piatto di Sant'Antonio, il freddo non ferma la tradizione

Piatto di Sant’Antonio, il freddo non ferma la tradizione
I mercatini delle arti e dei mestieri del 1800 hanno fatto da cornice alla cittadina

Domenica 17 gennaio, si è celebrato Sant’Antonio Abate con una processione, la benedizione degli animali e la distribuzione del pane benedetto Storia e tradizione della festa a Santa Maria degli Angeli, via di transito dei postiglioni postali tra Firenze e Roma, vi era la stazione per il cambio dei cavalli. Tantissima gente per il tradizionale Piatto di Sant’Antonio. Fin dal mattino i mercatini delle arti e dei mestieri del 1800 hanno fatto da cornice alla cittadina.

La Storia: Dopo il 1860 scoppiò una grave epidemia, che colpì in modo particolare i cavalli di dette scuderie. I padroni preoccupati, si rivolsero fiduciosi a Sant’Antonio Abate, protettore delle bestie, pregando i religiosi della Porziuncola di fare un triduo in onore del Santo, di cui in quei giorni ricorreva la festa. Ottenuta la grazia con la fine del morbo e scongiurato il pericolo della morte dei cavalli, in ringraziamento al Santo fu celebrata con grande solennità quell’anno la sua festa, fu fatta la processione per le vie del paese e fu distribuito un pranzo ai poveri, che prese la denominazione di “Piatto di Sant’Antonio”.

Le foto sono di FapFoto (Aulo Piccardi)

Print Friendly

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*