“Pietre della memoria”, monumenti e lapidi censiti da 450 studenti

Con le 18 scuole aderenti alla quarta edizione salgono complessivamente a 70 gli istituti umbri che dal 2011 ad oggi hanno aderito al Concorso “Esploratori della Memoria”, collegato al progetto Anmig (Associazione nazionale mutilati e invalidi di guerra) “Pietre della memoria”. Finalizzato a censire e catalogare monumenti, lapidi, lastre commemorative, steli, cippi e memoriali che ricordano persone e fatti della prima e seconda guerra mondiale e guerra di Liberazione, il progetto è partito da Perugia, ed ha come obiettivo far conoscere alle nuove generazioni le vicende inerenti la storia contemporanea d’Italia. Giunto alla quarta edizione in Umbria e alla seconda a livello nazionale, il Concorso si rivolge alle scuole di ogni ordine e grado (Primarie, Secondarie di Primo e Secondo Grado). Per l’anno scolastico 2014-15, come detto, hanno partecipato 18 scuole con 35 classi per un totale di 450 alunni.

Il concorso, presentato questa mattina in conferenza stampa, è patrocinato dalla Provincia di Perugia, dall’Ufficio Scolastico Regionale dell’Umbria, dall’Istituto di Formazione Culturale Sant’Anna. In stretta sinergia con il Comune di Assisi, scuole e alunni saranno premiati il 22 aprile 2015 (a partire dalle 9,30) in una cerimonia che si terrà al Teatro Lyrick a Santa Maria degli Angeli. Attraverso il lavoro svolto dagli studenti, sono state censite 170 Pietre della Memoria, prodotti 40 servizi video e 4 audio con interviste, raccolti oltre 140 documenti storici unitamente a fotografie e cartoline d’epoca.

Grazie all’intervento dell’Istituto di Formazione Culturale Sant’Anna e dell’Usr, alle prime tre classi classificate di ciascun grado scolastico (una Primaria, una Secondaria di Primo Grado e una Secondaria di Secondo Grado) andranno 1.000 euro a testa. Premi sono previsti anche per la seconda e terza classificata di ciascun grado scolastico, come da bando di concorso. Inoltre a tutti gli studenti e ai docenti referenti andrà un diploma di Esploratore della Memoria, mentre ogni scuola partecipante sarà indicata come sede degli Esploratori della Memoria e riceverà uno stendardo da esporre.

Per il consigliere provinciale di Perugia Roberto Bertini il progetto Anmig costituisce un “importante strumento di conoscenza e sensibilizzazione per le nuove generazioni”. “Senza la conoscenza delle radici e dei valori della nostra storia non esiste né presente né futuro”, ha commentato Ada Girolamini dell’Usr. Per Roberto Stefanoni, della Fondazione S. Anna, “il valore di questo concorso sta nella capacità di attivare relazioni e produrre documentazione”.

“Si tratta di un’idea autentica – sono state le parole del sindaco di Assisi Claudio Ricci – da veri eredi”. Intanto si è conclusa l’imponente opera di censimento del memoriale ai Caduti che si trova nell’atrio del Palazzo della Provincia di Perugia. Lo staff Pietre della Memoria gli ha voluto dedicare simbolicamente la scheda numero 1000. L’opera di censimento ha portato alla compilazione di una scheda con 96 sotto elementi e oltre 100 fotografie (107 per l’esattezza).

Il memoriale presenta una serie di lapidi e lastre commemorative dove sono ricordati i nomi di oltre 9000 Caduti di quella che era la provincia dell’Umbria (comprendente fino agli anni ’20 del 1900 i circondari di Perugia, Foligno, Spoleto, Orvieto, Terni e Rieti) nella prima guerra mondiale.

Nel corso del tempo sono state aggiunte delle Pietre a ricordo di altri soldati che hanno perso la vita nel secondo conflitto mondiale. Sono parte del memoriale anche altre Pietre (un busto raffigurante Vittorio Emanuele II ricollocato nell’atrio nel 2010, e due lapidi) non riferite a fatti legati a prima e seconda guerra mondiale, che per completezza lo staff Pietre della Memoria ha provveduto ugualmente a censire.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*