Premio Letterario “Città di Assisi”, ecco i nomi dei vincitori delle tre sezioni

da Mario Cicogna ASSISI – L’Assessore alla Cultura Serena Morosi e Gianna Pallotta, Presidente dell’Associazione Assisi ID Comunication&Services, si sono congratulate con i finalisti selezionati dalla Giuria, ed espresso attestati di stima nei confronti di tutti i partecipanti all’iniziativa: i numerosi componimenti pervenuti hanno fornito utili spunti di riflessione in una Città, terra di Francesco, che custodisce e promuove nel mondo il messaggio di pace e fratellanza origine della propria identità culturale.

“Giunto il momento di accomiatarsi da questa seconda edizione del Premio Letterario “Città di Assisi” – ha affermato l’Assessore Morosi –  desidero ringraziare tutti i membri della Giuria che hanno selezionato i numerosi componimenti pervenuti, sempre accompagnati dalla consapevolezza della fallacia di ogni giudizio, e dunque costantemente alla ricerca di quell’obiettività ed imparzialità necessarie.

Insieme a Gianna Pallotta e a tutto lo staff che ha curato e seguito con scrupolo ogni fase del Premio sono stata presente agli incontri delle tre rispettive commissioni: ritengo importante in questa sede comunicare a tutto il Pubblico presente che è stata dedicata un’affettuosa attenzione nonché un profondo rispetto anche alla storia più modesta o al verso più zoppicante.

Il ringraziamento rivolto ai componenti della Giuria – continua Serena Morosi – non è dunque semplice gratitudine per il lavoro svolto: non si è tenuto conto di freddi calcoli matematici, e al di là dei risultati raggiunti ogni elaborato è stato, prima di ogni altra considerazione, letto come lo specchio di un mondo interiore ricco di sensibilità, pulsioni vitali, ricerca, aspettative, delusioni”.

L’Assessore Morosi, prima di concludere i saluti a nome del Sindaco e dell’intera Città di Assisi, ha espresso gratitudine all’Illustre Concittadino Marco Tarquinio, per aver posto la propria competenza e passione al servizio della Cultura della propria terra, contribuendo a dare diffusione e lustro a questa edizione del Premio: “I cammini verso Santiago de Compostela. La riscoperta del viaggio a piedi nell’epoca della digitalizzazione. Un percorso di ricerca, spiritualità e condivisione a ottocento anni dal viaggio che intraprese Francesco d’Assisi in Galizia”.

La cerimonia di Premiazione è stata preceduta dall’intervento di Gianna Pallotta, a seguito del quale Nives Tei, Emanuele Pirinei e Francesca Tuscano, hanno parlato per conto delle tre giurie in ordine alle rispettive sezioni del Premio Letterario.

  Il Presidente della Giuria Marco Tarquinio, dopo un apprezzato intervento, ha svelato la graduatoria di merito. Di seguito i Vincitori assoluti: Sezione Racconto Inedito Adulti: “Dal Tau”, di Giovanna Nieddu (Udine)

Motivazione: Il testo presenta una scrittura agile, asciutta, essenziale con uno stile incalzante che coinvolge il lettore e richiama una modalità affine alla comunicazione social. Nel contenuto è evidenziato come la preparazione sia parte integrante del viaggio. La ricerca di se’ inizia prima del cammino, motiva scelte rivoluzionarie e inusuali per la protagonista. La confusa speranza di ritrovarsi alla fine diventa certezza.

Sez. Racconto Inedito Giovani: “Bernardo 1214 – 2014”, di Federico Piccioni (Assisi – PG)

Motivazione: Il testo si caratterizza per il contenuto particolarmente suggestivo e profondo e per lo stile efficace, originale e sempre adeguato. La lettura del brano ci trasporta in un viaggio dolce ed avvolgente ricco di immagini delicate e vivide.

Il racconto si snoda come andirivieni tra le sensazioni ed esperienze in corso durante il cammino e quelle appartenenti alla “vita stanziale”, più remota o più prossima, del protagonista, fino al disvelamento conclusivo del movente che lo ha spinto sul cammino stesso. Tale motivo, in verità, è caduto, non si dà più, e allora resta il cammino in sé; resta, anzi, l’esistenza in sé del protagonista. Profondo, e anche problematico, il richiamo fatto dal titolo al pellegrinaggio di frate Bernardo insieme all’amico Francesco, 800 anni fa. Il linguaggio sembra cullare e rassicurare il lettore conducendolo in un mondo intimo dalla forte e seducente carica empatica, raccontato per immagini così sapientemente evocate da far vivere il corpo solleticandone i sensi ma sempre con garbo fino a toccare dolcemente, delicatamente l’anima del lettore; una piacevolissima altalena tra sensazione ed emozione, tra corpo e cuore.

Sez. Poesia “In cammino verso Santiago de Compostela”, di Roberto Ragazzi (Tercente – RO)

Motivazione: La poesia evoca con semplici parole la realtà esistenziale del cammino verso Santiago. Meditata nella formaballata tenta un dialogo tra la riflessione esistenziale, espressa in terzine apparentate dall’incipit “Volevamo”, e il racconto, in ottave apparentato dall’incipit “Ora siamo”. Crea così un movimento formale che equivale a quello interiore tra la Volontà ,il desiderio e la realtà descritta attraverso lo sguardo della metafora. E’ un racconto dalla semplicità quasi mitologica e come nei miti la vicenda di una persona può declinarsi e rispecchiarsi in quella di molte persone. Con ritmo costante porta a percorrere un cammino interiore di grande suggestione e spiritualità.

Degli elaborati finalisti è stata data lettura a cura di Carlo Menichini, che ha dato voce a quanto gli autori hanno tentato di trasmettere, sublimando emozioni in poesia. In conclusione l’Assessore Morosi ha dato appuntamento alla prossima edizione del Premio, auspicando un numero sempre maggiore di partecipanti ed invitando anche tutti i presenti ad aderire all’iniziativa. “Organizzare un premio letterario non è facile- ha affermato Serena Morosi- per questo l’amministrazione è profondamente grata all’Associazione Assisi ID: occorre incrementare la collaborazione tra associazioni e istituzioni, per coinvolgere un numero sempre maggiore di giovani”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*