Realtà popolare concretezza per ripartire da Assisi

Assisi, Morini: «Perché non bisogna far vincere le sinistre!»

Realtà popolare concretezza per ripartire da Assisi
Morini (Realtà Popolare): “Da ora è il momento di passare dalle parole ai fatti”

da Francesco Morini (Coordinatore comunale e candidato Sindaco di Assisi per “Realtà popolare”) – Adesso che è arrivata la candidatura a Sindaco di Assisi: ringraziando la dirigenza di Realtà Popolare per il prezioso conferimento, il suo presidente Buffardi per aver creduto in me già da agosto contattandomi e il suo segretario nazionale Tamburi, per condividere ogni minimo dettaglio.

Il mio è un percorso da cattolico/popolare in politica e che a differenza di tanti abbia sempre posto il benessere comunitario scontato per molti ma che in pochi lo sottovalutano per primeggiare nel loro ego: e non rinnego neanche una virgola del mio passato anche recente sicuro di aver svolto sempre tutto con coscienza e coerenza.

Da ora è il momento di passare dalle parole ai fatti. I fatti sono la concretezza dei programmi e di scadenze immediate che un’ipotetica futura giunta insieme a un nuovo Sindaco si deve prefiggere di svolgere.

Nell’immediato voglio essere chiaro: chiaro il concetto condiviso con la dirigenza Realtà popolare di correre da sola alle prossime amministrative, ma seguendo non un percorso di schieramenti politici, ma un percorso condiviso di uomini e idee per il “benessere comune”.

Il concetto basilare è credere nel cambiamento: e Realtà popolare vuole far politiche di cambiamento sostanziale partendo dal basso; coinvolgendo tutti i cittadini che si riconoscono in dissenso popolare a tutto il sistema politico italiano corrotto e che ha rotto ogni legame popolo/istituzioni: facendosi promotrice di programmi sociali popolari dando appunto una forte scossa al sistema.

Nel concetto “Bene comune” voglio entrare sfondando in via definitiva le viscere del sistema dal territorio locale a tutta la politica nazionale.

Un sistema incancrenito dall’essere umano ormai isolato nell’apparire per piacersi: senza poter capire che nell’egoismo secolarizzato ci si isola solo a scopi personalistici tralasciando il vero scopo della politica che è soddisfare una comunità intera e in comunione poter aiutare ogni singolo cittadino di tutte le classi sociali.

Appunto per questo che la classe media borghese e cioè quella che rappresentava l’Italia si è impoverita riducendo ai margini della società i più disagiati arrivando a dare numeri da record anche qui sul territorio di Assisi.

Sono fortemente rammaricato: né dx e né sx riescono a coprire queste lacune, e questo lo denotiamo nelle politiche regionali e in quelle Nazionali dove governandoci da anni maggioranze di sinistra, non riescono a sopperire questi gup di cui ormai i cittadini sono attanagliati.

Aumenti consistenti dei balzelli dal comunale al regionale fino a quelli nazionali non danno servizi adeguati e rendono una cittadinanza priva di consistenti aiuti che aggiungendo poi il consistente aumento del costo della vita portano l’Umbria a circa il 75 posto in classifica e con imprese che chiudono e posti di lavoro che sono ridotti al lumicino. La portano lontana dalle regioni che producono ricchezza nel benessere economico.

Assisi in questi anni ha sempre avuto una maggioranza nel cdx ma non mi sembra abbia prodotto notevoli benefici: anzi se si esclude un turismo sempre di più in aumento (ma un Turismo da mordi e fuggi e con i tour operator che la fanno da padroni) il resto dell’economia locale boccheggia e si regge molto sulla religiosità del luogo, e molto poco sulle eccellenze locali.

Rivalutare il sistema economia partendo dalla piccola impresa (io nasco come piccolo imprenditore da geometra nel settore edile): e l’impresa che vuole investire e che ha il coraggio di investire dandogli i giusti imput per permettere al territorio di risalire la china.

Questi principi sono solo alcuni dei punti da partire nei programmi e che diano visibilità a tutti i cittadini: ed è per questo che Realtà popolare si rivolge a tutti gli elettori.

In un prossimo programma di una futura giunta: come candidato Sindaco inoltre voglio chiarire questi principi da ripartire e far ripartire l’economia in simbiosi con tutti i cittadini e coinvolgere tutto il territorio.

Famiglia, lavoro, ripartizione delle ricchezze e casa accessibile a tutti partendo prima dagli Italiani disagiati da tanti ormai emarginati. Da questi punti che ci rivolgiamo insieme a Realtá popolare al territorio e cerchiamo di partire da ora in avanti per ogni minimo coinvolgimento civico e politico.

Le basi ci sono e ora con la mia candidatura chiara e trasparente credo sia messa in bell’evidenza e che possa interessare ogni cittadino: credendo che da Assisi possa partire la vera politica del cambiamento e di riflesso anche alla Politica Nazionale del paese.

Realtà

Print Friendly

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*