Realtà popolare contro la politica affarista

Elezioni Assisi, Morini: «Precisazione doverosa»

Realtà popolare contro la politica affarista
Morini: “Nel cdx Assisano si continuano a rincorrere teatrini impietosi”

da Francesco Morini coordinatore comunale di Assisi e candidato Sindaco per “Realtà popolare” – Mentre in questa ultima settimana “Realtà popolare” si sta attivando per cominciare ad aprire un dialogo con i cittadini: le nostre “Riunioni di incontro” che cercheranno di aprire una base programmatica e prepararsi con figure volenterose che si impegnino concretamente alle prossime amministrative di primavera.

Nel cdx Assisano si continuano a rincorrere teatrini impietosi che vanno fuori dagli schemi popolari, cercando di velare tutto il passato con una riorganizzazione che evidenzi nuovamente gli stessi personaggi e riproponga un nulla sfavorendo le politiche reali di cui Assisi ha bisogno.

Se forse potesse pure essere vera una maggioranza che abbia fatto in questi cinque anni, è pur vero di un opposizione inesistente e che ha solo riscaldato la poltrona consigliare venendo meno al mandato che gli elettori avevano dato per vedersi riqualificare un territorio al quale appartiene di sicuro solo a loro.

Ora leggo di dichiarazioni assurde: come si voglia ricongiungere maggioranza ed opposizione in un’unica coalizione (politica e civica) solo per cercare di sconfiggere le sinistre. Ma vorrei dire al consigliere Freddii, non sono forse loro in una Giunta mascherata e guidata da un facente funzioni e Sindaco Lunghi di Margherita memoria con figure oscure Bocciane che lasciano presagire più a una coalizione nel csx che nello stesso cdx dove era stato votato?

E agli stessi dell’opposizione (ma il Tardioli ex Lista Ricci ora in Lega non è in opposizione), come fanno a unirsi a Forza Italia quando alle recenti regionali guidati dai loro capi Polidori/Bartolini vennero meno agli ordini di scuderia che voleva Ricci Governatore e votarono di sicuro a sinistra (anche una scheda nulla è favorire un voto a sinistra) visti i troppi interessi occulti di molte persone con le sinistre e che non potevano scalfire minimamente e sfavorendo una certa politica di rinnovamento.

Le stesse Liste civiche che si vanno formando attualmente : alcune legate alla candidatura del dott Mignani mi vogliono dire siano di Rinnovamento e invece di sicuro hanno anche loro appoggi ambigui a sinistra (da più parti giungono voci di appoggi da un tal Guasticchi che ha un colore molto rosso), e che le vorrebbero vicino al cdx e invece sono anche loro maschere di facciata a sinistra.

Quindi dov’è il cdx in tutto questo? Mi vogliono dire che il sindaco deve esser di Assisi appartenere al territorio: ma questa affermazione mi sembra più una paura per non ritrovarsi un Sindaco dei 5S e non del PD visto che credo lo stesso PD alla fine vada in appoggio al Sindaco su enunciato e che appartiene ad ambiguità Margheritine che sono di un Cattolico molto oscuro. O ritrovarsi un sindaco proveniente dalla Classe Borghese/povera (il sottoscritto) che sarebbe di intralcio per guidare luminari in Amministrazione Comunale che spingono verso una figura autorevole solo per continuare a fare ognuno i propri comodi e perseguire le fuffe di molti personaggi pubblici Assisani che hanno più di uno scheletro nell’armadio.
La mia teoria è che tanti frammenti cercano un “Posto al sole” in vista dei possibili ballottaggi dove poi ognuno farebbe i ricatti di turno!

Ecco perché con Realtà popolare abbiamo deciso di perseguire la strada di andare soli alle prossime amministrative: per non mischiarci nel marasma di una politica che non vuole seguire la logica del cambiamento per non svelare i troppi misteri territoriali, frutto di tanti compromessi truffaldini sempre e solo a scapito del territorio e dei suoi cittadini Assisani.

Io stesso sono e resto quella figura da tanto attesa da molti e che non ho di sicuro scopo di ricatto alcuno: anzi nella mia figura trasparente vuole dare il modo di rifare un look sia alla politica di Assisi unendosi alle forze politiche in campo e soprattutto alle coscienze civiche.

I tanti burattinai occulti riflettessero nelle prossime ore: io resto a disposizione per questa grande opera riformista di cui Assisi ha bisogno e ha bisogno per rieccheggiare su tutto il territorio nazionale; partendo dal basso vuole dimostrare che la politica vuol risorgere per dare un futuro e una speranza a tutti gli Italiani, in piena recessione, ormai molto demoralizzati, da un regime di sinistra che sta oscurando ogni cosa.

Se poi questi conservassero le orecchie foderate di cerume solido, sarà la loro condanna miserevole per essere definitivamente cacciati via da tutta la politica cittadina, perché stiano pur certi: “Realtà popolare” non vuole fare la semplice comparsa, ma vivere da giugno un ruolo predominante e chissà ritrovarsi con il sottoscritto a guida dell’Assisi che amo forse di più degli stessi Assisani.

Realtà popolare

Print Friendly

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*