Ricci, Costi politica regionale umbra, riprendiamoci i 20 milioni di euro

Foto inviata da Claudio Ricci

da Claudio Ricci
Tutti hanno capito che più che ai problemi delle persone, delle attività e delle famiglie, ci si sta occupando della nuova legge elettorale solo per cercare di salvaguardare le poltrone con alchimie di ogni tipo anche incostituzionali; un fatto sarà inevitabile: le persone vogliono cambiare in Umbria per liberarsi delle antiche forze (foto, la forza oscura nel film Guerre Stellari) che impediscono la crescita della Regione.

Tutti hanno capito che non si mette il secondo turno, come avviene nei comuni per i sindaci, per impedire che la gente possa decidere. Tutti hanno capito che non ci sarà il voto disgiunto, come nei comuni per i sindaci, proprio per tutelare chi oggi è al potere.

Tutti hanno capito che nessuno vuole fare a meno dei privilegi che costano, fra indennità troppo alte dei politici regionali e pensioni d’oro, oltre 20 Milioni di Euro agli umbri (nei cinque anni di una legislatura) che andrebbero invece destinati a famiglie e imprese in difficoltà.

Questo non è più politicamente accoglibile ma c’è di più: non è più eticamente accettabile. Si prenda atto di ciò perché a breve il popolo si riprenderà, attraverso le aggregazioni civiche, senza dare ulteriori deleghe ai partiti, le democratiche istituzioni.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*