Primi d'Italia

Riverock Festival, Paolo Lupattelli, l’associazionismo che ci piace

Numeri più che positivi che hanno visto la Lyrick SummerArena accogliere oltre mille fan

Riverock Festival, Paolo Lupattelli, l'associazionismo che ci piace

Riverock Festival, Paolo Lupattelli, l’associazionismo che ci piace

da Paolo Lupattelli
ASSISI – Riverock Festival, Weekend fitto di appuntamenti quest’ultimo di agosto tra Assisi e Santa Maria degli Angeli. Se il centro storico è immerso nel fascino medievale rievocato dal XXXVII Palio di San Rufino, nella nuovissima Lyrick Summer Arena di Santa Maria risuona la musica dell’8° edizione del Riverock Festival, un evento organizzato dall’associazione Riverock che per la prima volta si è spostato in terra angelana dopo essersi svolto per 7 anni tra Castelnuovo e Bastia Umbra (solo la prima edizione).

Il primo appuntamento è andato in scena giovedì sera col concerto di Ermal Meta, cantautore italo – albanese, terzo classificato all’ultimo Sanremo e apprezzato da tutte le fasce di età, che ha scelto Assisi come unica tappa umbra del suo tour estivo.

Numeri più che positivi che hanno visto la Lyrick SummerArena accogliere oltre mille fan per quasi due ore di concerto. Venerdì invece è stata la volta di Niccolò Fabi, cantautore romano molto apprezzato per le sue sonorità e per i suoi testi frutto di una “penna” di alto livello. Anche per Fabi il Riverock è stata l’unica tappa umbra del tour che terminerà a Roma il 26 novembre.

Inutile dire che il concerto ha riscosso un enorme successo di pubblico e di “critica”. Oggi ultima serata e appuntamento a partire dalle 20 con KO COMPUTER NIGHT, serata organizzata in collaborazione con Radio 1 Rai che vedrà alternarsi sul palco, tra gli altri, artisti del calibro di Cristiano Godano (Marlene Kuntz) e Paolo Benvegnù.

La serata omaggia la musica dei Radiohead e tutti coloro che si esibiranno oltre a suonare pezzi propri proporranno cover della famosa band inglese.

L’Amministrazione ha deciso di puntare fortemente sul RiverockFestival e lo ha dimostrato, a differenza del passato, sostenendolo dal punto di vista logistico e soprattutto economico (7 mila euro a fronte delle poche centinaia messe a disposizione dalle passate amministrazioni), sostegno che insieme all’ambizione degli organizzatori e all’impegno profuso da tutti i volontari hanno permesso al festival di fare un netto salto di qualità rispetto al passato.

Un plauso va in primis al direttivo dell’associazione (Jacopo Cardinali, Daniel Donati, Federico Sereni e Gabriele Fabbrizi) che ormai da mesi lavora a questo progetto (SENZA SCOPO DI LUCRO) e a tutti i ragazzi (volontari) che durante queste tre serate hanno dato e daranno una mano nella gestione del bar e di tutta la logistica che c’è dietro l’organizzazione di un evento di tale portata.

Sono queste le belle realtà che meritano spazi, ascolto e sostegno, il tutto nel pieno rispetto della legalità e dei regolamenti grazie alla costante collaborazione e al rapporto di fiducia instauratosi con gli organizzatori. Associazioni giovanili che operano nel territorio e per il bene del territorio arricchendo il palinsesto estivo del nostro comune con appuntamenti di qualità e per tutte le fasce di età.

Le porte del Palazzo del Comune sono e devono essere spalancate per progetti di questo genere che valorizzano e qualificano il tessuto giovanile assisano oltre a proporre attrattori culturali per i cittadini e per i turisti.

La collaborazione col mondo dell’associazionismo è una costante che stiamo portando avanti fin dai primi giorni di governo e questi appuntamenti sono un segnale tangibile. Stasera quindi tutti alla Lyrick Summer Arena per la conclusione del Riverock Festival 2017, in attesa delle tante sorprese che sicuramente ci aspetteranno per il prossimo anno.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*