Sequestro di persona ed estorsione, Carabinieri arrestano 4 persone

Quattro romani sono finiti in manette per sequestro di persona ed estorsione. Ad arrestare i quattro capitolini sono stati i carabinieri del Ros di Perugia. Gli indagati sono al centro di un presunto giro di riciclaggio di denaro sporco, così come ritenuto dagli investigatori del Raggruppamento operativo speciale e del comando provinciale di Perugia.

I provvedimenti restrittivi scaturiscono da un’attività investigativa, diretta dalla Procura Distrettuale Antimafia perugina, che ha consentito l’individuazione e l’arresto dei responsabili del sequestro di persona effettuato nel Perugino la sera del 31 maggio 2014. Quella sera, nei pressi di Assisi, cinque soggetti romani, al termine di un tentativo di riciclaggio di denaro “sporco” hanno sequestrato e trasferito a Roma l’intermediario dell’operazione, un 40enne immobiliarista della provincia di Perugia, con lo scopo di estorcergli un’ingente somma di denaro. Dopo aver consegnato all’intermediario una valigetta con 50 mila euro, si sono accorti, a scambio avvenuto, che conteneva carta straccia invece dei 100 mila euro provento di attività estorsive e di narcotraffico.

I cinque hanno sequestrato l’intermediatore e lo hanno portato a Roma dove li attendeva un complice, che gli ha fornito le chiavi di un deposito box di via Maresca nei pressi della Salaria a Roma dove è stata rinchiusa la vittima. Dopo averlo minacciato e pestato, al sequestrato è stato imposto di trovare i soldi. Nel corso della notte, sottoposto a violenze e sotto il totale controllo dei rapitori, il 40enne è riuscito al telefono a trovare il fratello che ha incontrato due dei rapitori a Santa Maria degli Angeli. Per loro è scattato l’arresto da parte dei Carabinieri che erano già stati allertati. A seguito dell’arresto i carabinieri sono riusciti ad individuare e identificare tutti gli autori del grave reato.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*