Simone Pettirossi (Pd) Assisi, soddisfazione per la cittadinanza a Liliana Cavani

Liliana Cavani, Pettirossi: "Gioia per il conferimento della Cittadinanza Onoraria"

Simone Pettirossi
Capogruppo PD Assisi
ASSISI – A novembre del 2012 avevamo proposto di conferire la cittadinanza onoraria a Liliana Cavani, una tra le registe più importanti del panorama nazionale e internazionale, che ha girato ben tre film su San Francesco e che ha lavorato con personaggi del calibro di Marcello Mastroianni, Claudia Cardinale, Mickey Rourke e John Malcovich. Esprimiamo perciò grande soddisfazione per il fatto che il Consiglio comunale, in modo bipartisan, abbia voluto concedere la cittadinanza onoraria a una donna del suo spessore artistico e personale.

La Cavani inizia la sua carriera girando documentari a carattere storico e sociale e questo sguardo realistico e senza orpelli emerge con forza anche nel suo primo film del 1966, con un Francesco umanizzato, che unisce la potenza del sogno e la concretezza dei film neorealisti del dopoguerra. Vengono in mente Rossellini, Germi, Zampa, ma anche Pier Paolo Pasolini e il suo Vangelo secondo Matteo.
Il primo film della Cavani ha creato peraltro un legame indissolubile con la nostra città, perché fu girato in gran parte nel nostro territorio e perché nel cast ci sono molte comparse e attori del posto. C’è il perugino Giampiero Frondini, ma anche tantissimi assisani: Giuseppe Campodifiori (nella vita è un elettricista) che interpreta Fra Giovanni, Riccardo Bernardini (lavora come artigiano) che interpreta Fra Silvestro, ma anche  tanti altri, tra i quali citiamo Oscar Mercurelli (pittore) e Franco Lunghi (medico).
A distanza di quasi 50 anni quell’opera straordinaria non rappresenta più soltanto un film sul nostro concittadino più illustre, ma un vero e proprio “documento” storico e antropologico, che ci ridona emozionanti immagini di luoghi, spazi e persone della nostra comunità cittadina.
Simone Pettirossi
Capogruppo PD Assisi
Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*