SlotMob anche ad Assisi contro il gioco d’azzardo

Arriva anche ad Assisi lo “SlotMob” contro la diffusione del gioco d’azzardo che nel 2013 ha mosso 80 miliardi di euro e che oggi conduce alla dipendenza quasi 800.000 italiani. L’iniziativa si farà il 30 maggio presso il Bar Bibiano quale locale simbolo della città che ha bandito le slot machines dalla propria struttura, dopo il convegno dal titolo: “Verso un nuovo modello di sviluppo: etica ed economia civile” in programma a partire dalle 16 all’Istituto Serafico a chiusura della seconda edizione della scuola di formazione socio-politica “Giuseppe Toniolo”.

Il convegno di venerdì è promosso dalla commissione Ceu per il Lavoro, la Pace e la Salvaguardia del Creato e dalla stessa Scuola socio–politica della Diocesi.

I diversi e qualificati interventi in programma per il 30 maggio hanno come tema l’economia civile, quell’insieme di esperienze e di teorie economiche che nascono dal primato della persona e dei principi di reciprocità e gratuità.

Al termine del convegno, verso le 19,30, come gesto concreto per premiare chi opera attivamente per un’economia socialmente sostenibile, si terrà questo primo aperitivo “SlotMob” della città di Assisi presso il Bar Bibiano (vicino all’Istituto Serafico, presso piazza San Pietro), il cui gestore Luigino Rossetti ha deciso di bandire le slot machines dal proprio locale. “SlotMob” è un’iniziativa nazionale, promossa tra gli altri dalla SEC (Scuola di economia Civile che vede economisti di rilievo tra i quali i professori Zamagni, Becchetti, Smerilli, Bruni) contro l’utilizzo delle slot machines nei locali.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*