Stalker 60enne arrestato dai carabinieri di Assisi

Continua l’azione di contrasto alla criminalità e di vicinanza al cittadino condotta dai militari del Comando Provinciale Carabinieri di Perugia.
Gli uomini della Compagnia Carabinieri di Assisi agli ordini del Magg. Marco Sivori, e nello specifico i militari della Stazione Carabinieri di Bastia Umbra, nel pomeriggio di ieri, hanno dato esecuzione ad un ordine emesso dal Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Perugia nei confronti di un sessantaquattrenne residente nel comprensorio Bastiolo che è stato sottoposto agli arresti domiciliari.

L’uomo, che si è reso responsabile di stalking nei confronti di una donna con la quale aveva avuto una relazione sentimentale, era stato già destinatario dell’ammonimento di P.S. emesso dal Questore di Perugia alla metà di gennaio, con il quale la citata Autorità di p.s. lo ammoniva a tenere una condotta conforme alla legge.

Al provvedimento si è giunti dopo varie denunce che la vittima aveva presentato già dal dicembre 2014. Lui non si è “arreso” nonostante il provvedimento del Questore e non avrebbe desistito dal suo comportamento persecutorio.

In base alla ricostruzione dei militari l’uomo si sarebbe appostato più volte nei pressi dell’abitazione dell’ex ed avrebbe assunto un atteggiamento ben più grave, consistito in continui pedinamenti sia a piedi che con l‘autovettura e in alcune minacce.

In buona sostanza lo stalker, non “digerendo” la fine della relazione ha intrapreso una condotta tesa a rendere la vita della sventurata un vero inferno, la donna infatti, ricevute ennesime persecuzioni, si è recata di nuovo alla Stazione dei Carabinieri, i quali oltre a garantirle una cornice di sicurezza con passaggi frequenti nei pressi dell’abitazione, hanno effettuato gli accertamenti del caso e richiesto con urgenza la misura cautelare che si è resa necessaria poiché i comportamenti dello stalker erano stati reiterati e violenti, come peraltro confermano numerose testimonianze.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*