Studenti Assisi alla Sala dei Notari per Earth Day

In una sala dei Notari gremita di studenti per celebrare la “Giornata mondiale per la Terra (Earth Day)” c’era anche la scuola primaria “Don Lorenzo Milani” di Palazzo di Assisi dell’Istituto Comprensivo Assisi 3. Le classi 1°A e 2°B e un alunno della 5°A Luca Massettini (il cui disegno abbelliva il leggìo della Sala) avevano partecipato, infatti, con i propri elaborati grafico pittorici al concorso scolastico ideato da Gesenu “Green city. Perugia e Assisi: terre della Sostenibilità” vinto dalla scuola Primaria Comparozzi di Perugia.

In occasione di questa importante giornata – indicata dall’ONU dal 1970 – il Comune di Perugia, patrocinato dal Comune di Assisi, ha organizzato una serie di iniziative ed azioni volte a promuovere l’importanza della salvaguardia dell’ambiente non solo in termini di tutela dell’ecosistema ma anche di sviluppo economico ed occupazionale di costruzione di una città “smart”.

Tra le varie iniziative promosse, si è deciso di coinvolgere le scuole mediante questo concorso che, nel dettaglio della scuola di Palazzo di Assisi hanno sviluppato le tematiche della salvaguardia dell’ambiente collegandolo alla città e allo studio del bosco (in coerenza con questo percorso esperti del Corpo Forestale dello stato hanno tenuto lezioni in vista dell’uscita al Centro di recupero per animali selvatici di Formichella per la metà di maggio).

Si è partiti – ha spiegato l’ingegnante Tiziana Berichillo – da racconti sulla raccolta differenziata e la sua importanza, finalità e tipologia. L’abbiamo anche fatta materialmente in aula. Una volta affrontata la tematica – ha proseguito – abbiamo esaminato il passaggio successivo che consiste nella tecnologia dell’impiego dei materiali con l’ausilio di Eco Cave”.

La 2°B ha svolto, invece, il lavoro collettivo sulla città che si vorrebbe”. I piccoli studenti non sono tornati a mani vuote, ma per la scuola Gesenu ha stanziato un premio di consolazione di 50 euro che potranno essere impiegati per le neccesità dell’istituto.

Print Friendly

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*