Primi d'Italia

Più tasse e meno assistenza sociale, a dirlo è Giorgio Bartolini a riguardo del Comune di Assisi

Giorgio Bartolini ad Assisi è preferito come sindaco
GIORGIO BARTOLINI

Da Giorgio Bartolini
ASSISI – L’amministrazione Comunale di Assisi, con l’odierno “assestamento di bilancio 2014”, ha rettificato quello che, sbagliando clamorosamente, aveva indicato nel bilancio previsionale di marzo. Infatti con la TASI incasserà 500.000 euro in più rispetto a quanto stimato, a scapito naturalmente delle tasche dei cittadini. Insomma, con le alte aliquote stabilite, le entrate comunali aumenteranno nel 2014 molto più di quanto gli amministratori avevano previsto. Un piccolo boom si è avuto per l’aumento dalle tariffe dei pedaggi sui parcheggi, con un più 100.000 euro.

Quindi la TASI passa da 3.320.000 euro preventivati a 3.810.000 euro e i parcheggi da 570.000 euro a 670.000 euro. È un obbligo morale, ormai, trovare le risorse necessarie al di fuori della tassazione, che in Assisi è proprio senza fine e la gente non ne può più. Viceversa sul versante della spesa, ancora una volta non sono stati tagliati gli sprechi, la concessione di notevoli contributi di denaro a soggetti, anche non residenti, le tante inutili spese di rappresentanza, viaggi ecc.

Nel contempo non si è pensato ad incrementare gli interventi necessari per affiancare le attività economiche del territorio, al fine di diminuire la disoccupazione.

Altresì appare evidente che non sono state supportate le categorie più deboli, tanto è che invece di mostrare più attenzione nei loro confronti, sono state tagliate le spese: euro 37.000 per assistenza agli anziani, euro 20.000 per retta di ricovero ai minori, euro 12.000 per progetti di assistenza scolastica e addirittura euro 16.000 per pulizia e manutenzione ai cimiteri. Nulla è stato previsto per le spese di disinfestazione da topi e zanzare che, da qualche tempo, sembra abbiano trovato l’habitat ideale nel nostro territorio, con lo sconcerto di tanti cittadini. Giorgio Bartolini

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*