Travicelli, Bandiere a mezz’asta comune di Assisi per attentanti Parigi e bandiera francese vicina alla nostra

Travicelli, Bandiere a mezz'asta comune di Assisi per attentanti Parigi e bandiera francese vicina alla nostra
Solidarietà alla Francia

da Claudia Maria Travicelli 
(Capogruppo Democratici e Popolari per Assisi)

Sono nata in Francia e precisamente a Mulhouse in Alsazia (città vicina a Strasburgo),mia madre Madeleine è francese,nata in Francia,come lo è tutta la sua famiglia.Ho vissuto molti anni,in questa nazione,che oggi vive questa terribile guerra,sì la definisco una guerra infernale,come fu quella dell’11 Settembre per l’America e che,oggi più che mai,mette in allarme tutta l’Europa.Assisi e la sua città, è da mesi che vede il susseguirsi di militari davanti a luoghi a noi sacri,si cerca di vivere una normalità,ma sinceramente l’umore dei cittadini non è dei migliori. Oggi,chi conosce le mie origini,mi ha cercata e vi giuro mi sono sentita veramente onorata,anche nella tristezza,di essere appartenente ad una doppia nazionalità.Non voglio prolungarmi sulla mia persona,ma voglio entrare nello specifico e concretamente nel terribile disastro che ha messo in ginocchio Parigi,la Francia e direi tutta l’Europa.

A TESTIMONIARE IN SILENZIO LA NOSTRA SOLIDARIETA’ ALLA FRANCIA E LA NOSTRA OPPOSIZIONE ALLA BARBARIE TERRORISTA,in queste ore tristi e piene di dolore,

CHIEDO

al Sindaco di Assisi,città della Pace per eccellenza,f.f.Antonio Lunghi di unirsi al lutto che sta investendo la città di Parigi.Chiedo di esporre la solidarietà dell’intera città, proclamando una giornata di lutto cittadino e aggiungendo,per qualche giorno,la bandiera francese a quella italiana e a quella di Assisi,da esporre naturalmente a mezz’asta.

Inoltre,mi sono permessa di inoltrare altra richiesta al Sindaco f.f. Antonio Lunghi,affinché si invii  un messaggio,a nome di tutti i cittadini e del Consiglio Comunale di Assisi al Sindaco di Parigi M.me Anne Hidalgo.

Da tutti noi,da Assisi,deve venire una risposta fermissima, un messaggio chiaro “che solo con la Pace e la democrazia si può vincere l’umanità e essere veramente liberi da ogni pericolo”.Questo per noi,per i nostri anziani,ma lo dobbiamo soprattutto ai nostri giovani.

 

Print Friendly

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*