Truffa dello specchietto, Polizia Assisi individua gli autori

Da giorni la Squadra Volante del Commissariato di Assisi, diretto dal Commissario Capo Francesca D. Di Luca, monitorava un insediamento di sinti che da settimane stazionava presso il parcheggio pubblico della zona industriale di Bastia Umbra. Nomadi di etnia sinti, provenienti dalla Sicilia, a bordo delle proprie autovetture, camper e roulotte avevano di fatto invaso arbitrariamente la zona adibendo l’attigua area verde a giardino, pattumiera e area per stendere i panni al sole.

Dai servizi di osservazione si notava che gli uomini del gruppo durante il giorno si allontanavano dal campo a bordo delle proprie autovetture lasciando le mogli a presidiare l’area. Si decideva cosi proprio ieri, temendo che la giornata festiva e di elezioni potessero essere occasione favorevole per azioni delittuose, di procedere al “blitz” e controllare i 3 nuclei familiari presenti, composti complessivamente da nr. 11 persone di cui 6 adulti e 5 minori.

Clamorosa la scoperta fatta dagli agenti del Commissariato: i capi famiglia avevano numerosi precedenti di polizia alle spalle e fogli di via da parecchi comuni del territorio nazionale perché dediti abitualmente a commettere reati. Di recente erano stati allontanati da Verona e da Fermo ( AP) per la c.d. “Truffa dello specchietto”, attuata per spillare euro agli automobilisti, inducendoli a pagare una somma per riparare al danno causato all’auto del truffatore, anche se in realtà la rottura delle specchietto non è mai avvenuta. Si tratta di un trucco molto semplice che consiste nel far credere all’automobilista che la sua macchina abbia involontariamente urtato il retrovisore dell’auto di chi sta mettendo in atto la truffa.

La vittima della truffa sente il rumore di un colpo secco molto forte sulla propria carrozzeria, di solito sulla fiancata, (provocato in realtà da una pallina, un bastone, ecc…) dando l’illusione di un urto immediato. Subito dopo entrano in scena i truffatori in auto che intimano alle vittime di fermarsi.

Il conducente sostenendo che gli è stato rotto lo specchietto, indicando il suo retrovisore chiaramente già danneggiato, convince le vittime ad un esborso di denaro senza mettere di mezzo assicurazione o vigili, magari anche con l’aiuto di “un compare”, pronto a testimoniare che è andata proprio così.

A questo punto la vittima paga, convinto di aver recato un danno o per paura che dalla truffa si passi alla rissa. Sulla base di quanto emerso, si decideva di passare al setaccio tutte le 3 autovetture, i 2 camper e una roulotte in uso ai sinti. All’interno del camper veniva rinvenuto nell’abitacolo, all’interno del vano portaoggetti, un coltello a serramanico lungo circa 20 cm e all’interno dell’armadio un tubo in pvc, con anima rigida, della lunghezza di cm 65 del tutto simile a quello solitamente utilizzati nella truffa dello specchietto per romperli. Per il coltello e il tubo prontamente sequestrati, il proprietario del camper veniva denunciato per porto abusivo di armi e oggetti atti ad offendere.

Veniva altresì rinvenuto, ben nascosto all’interno di una calza, un rotolo di banconote da 50 e 100 euro del valore complessivo di circa 5000 euro, nonché ricevute di cospicui versamenti su libretti postali. I relativi possessori, senza fissa dimora e nullafacenti, si giustificavano riferendo che il danaro contante serviva per provvedere alle necessità quotidiane e che i risparmi erano frutto di elemosine e di attività di arrotino e introito di regali di parenti e vendite di non precisate proprietà di famiglia.

Sulla base di quanto emerso, non potendosi considerare l’insediamento occasionale e temporaneo, visto che all’atto dei controlli i sinti venivano sorpresi mentre erano impegnati in attività ordinaria di vita quotidiana, si denunciavano tutti e tre i capo-famiglia per il reato di invasione arbitraria di terreno pubblico al fine di occuparlo aggravato dal fatto di essere stato commesso da più di 10 persone. Venivano indagati per le truffe commesse fuori provincia e fotosegnalati; in questo modo possono essere effettuati eventuali riconoscimenti su quelle commesse di recente in zona . Proposto per loro alla locale Divisione Anticrimine la emissione del Foglio di via obbligatorio. In serata, dopo l’intervento, il gruppo ha lasciato il luogo ove dimoravano per una nuova destinazione.

Print Friendly

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*