Umbria, Di Stefano: mercoledì Sovranità ad Assisi per sfidare Ricci, l’Alfano umbro

“La nostra presenza mercoledì ad Assisi ribadirà una volta di più che buonisti e moderati stanno uccidendo questa regione e che solo un voto più arrabbiato e fuori dagli schemi può rappresentare una valida alternativa”. Così Simone Di Stefano, candidato di Sovranità alla presidenza della regione Umbria, annuncia il comizio di mercoledì 20 maggio, alle ore 18.30, a Santa Maria degli Angeli di fronte la basilica.

“Andare nella città del sindaco Claudio Ricci, candidato del centrodestra alle regionali – spiega il candidato presidente di Sovranità – significa affermare che il carrozzone dei moderati messo in campo per queste elezioni in Umbria, che tiene insieme l’Ncd del “ministro degli sbarchi” Alfano con la Lega, non può rappresentare un’alternativa alla Marini”.

“Anche se dovesse vincere, cosa improbabile visto il netto distacco – prosegue Di Stefano – Ricci non avrebbe mai il coraggio di dire ‘prima gli italiani’ nelle graduatorie per casa, scuola, stato sociale. In più con quale credibilità il sindaco di Assisi potrebbe fermare l’immigrazione, visto il suo legame diretto con associazioni di orientamento cattolico che spesso gestiscono l’accoglienza?”.

“L’appuntamento di mercoledì ad Assisi – conclude Di Stefano – è rivolto a tutti quegli umbri arrabbiati, stanchi di un sistema di favori e consorterie che governa la Regione da decenni, consapevoli che l’alternativa a questa sinistra non è certo rappresentata dal centrista moderato Claudio Ricci”.

Print Friendly

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*