Villa Umbra, sistema socio-sanitario, presentato ciclo formativo su ruolo operatori del terzo settore

Con l’incontro dal titolo “Modelli di integrazione socio sanitaria a confronto”, al quale ha partecipato la vicepresidente della Regione Umbria con delega al Welfare, Carla Casciari, è stato presentato nella sede della Scuola di Amministrazione pubblica di Villa Umbra, il pacchetto formativo sul ruolo degli operatori del Terzo settore nel sistema socio-sanitario, dalla promozione della salute all’assistenza. Il percorso formativo gratuito in programma a partire dal 3 febbraio alle ore 9, nella sede di Villa Umbra, è organizzato dalla Scuola Umbra di Amministrazione Pubblica e proposto dalla Regione Umbria a favore del volontariato, dell’associazionismo e delle cooperative con l’obiettivo di approfondire due aree: la prima è relativa all’europrogettazione, cioè alla ricerca fondi tramite progetti comunitari, mentre la seconda riguarda l’organizzazione e l’innovazione del Terzo settore. La prima parte del pacchetto formativo sull’europrogettazione coinvolgerà, in 4 edizioni di 9 giornate, 100 operatori del Terzo settore in un corso di taglio teorico-pratico per migliorare le competenze nell’ambito del reperimento risorse e progettazione nei programmi comunitari. I moduli del Corso, che si svolgerà nei giorni 9-16-17-26-27 febbraio e 2-3-12-13 marzo 2015, verteranno sui temi della ricerca bandi, la costruzione e la gestione del partenariato transnazionale, dall’idea al progetto. La seconda parte della formazione punterà a rafforzare le competenze che interessano il Terzo settore, per un totale di 12 giornate, su temi di grande attualità ed interesse quali l’analisi dei principali modelli organizzativi in ambito sociale; lavorare in rete nel Terzo settore-integrazione con il sistema sanitario; comunicazione esterna; selezione e gestione del personale; gestione dei conflitti e la cooperazione sociale di tipo A – B. All’incontro di presentazione del corso, oltre alla vicepresidente Casciari, sono l’amministratore unico della Scuola, Alberto Naticchioni, il direttore regionale Emilio Duca, Anna Maria Candela, per la Regione Puglia; Maria Augusta Nicoli della Regione Emilia Romagna e i rappresentanti della Regione Veneto.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*