BASTIA UMBRA, BANDO GAL, 124 IMPRESE AGRICOLE PARTECIPANO

AGRICOLTURA
AGRICOLTURA
AGRICOLTURA

Sono state 124 le domande pervenute al Gal (Gruppo di azione locale) Media Valle del Tevere da parte di aziende agricole o agrituristiche per accedere agli aiuti a sostegno di investimenti di ammodernamento o per l’accrescimento del valore aggiunto di prodotti agricoli, per un totale di contributi richiesti che supera gli 8 milioni e 610mila euro. La partecipazione ai bandi, finanziati dal Programma di Sviluppo rurale della Regione Umbria attraverso la misura 411 “Competitività” (Azione A e Azione B), è stata particolarmente rilevante in tutto il territorio interessato, con la presentazione di progetti che puntano anche sulla nuova “economia verde”.

Lo ha sottolineato stamani, nel corso di una conferenza-stampa che si è svolta a Torgiano, il presidente del Gal Media Valle del Tevere Walter Trivellizzi, illustrando i risultati alla presenza dell’assessore regionale all’Agricoltura, Fernanda Cecchini, e al sindaco di Torgiano, Marcello Nasini. All’avviso, ha detto Trivellizzi, hanno risposto “aziende tabacchicole in ristrutturazione e in riconversione e numerose altre aziende che svolgono e orientano la propria attività verso indirizzi tradizionali, quali produzioni cerealicole, vitivinicole, elaiotecniche, ortofrutticole e zootecniche oltre che verso indirizzi innovativi, in particolare quello agroenergetico”. Tra le aziende che hanno presentato domanda, 29 sono condotte da donne e 27 da giovani agricoltori, che hanno già beneficiato di contributi comunitari per avviare le proprie imprese agricole. Tra gli investimenti “di maggiore interesse per le aziende – ha rilevato ancora Trivellizzi – c’è la messa a punto di impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili.

In particolare impianti fotovoltaici a copertura di annessi agricoli, stalle, essiccatoi, complementi e attrezzature che aumentino l’efficienza di impianti per la produzione di biogas. Considerevole è anche il numero di domande dove l’aiuto viene richiesto per la realizzazione di punti vendita aziendali in cui commercializzare i prodotti ottenuti, accorciando la filiera agroalimentare”. A dimostrare che le aziende agricole, in particolare quelle a indirizzo tabacchicolo, vitivinicolo e orto-frutticolo, sono interessate e sensibili verso il risparmio energetico, molte sono state le domande per l’installazione di impianti di irrigazione a goccia, a completamento del piano di miglioramento aziendale. “Il settore dell’agricoltura – ha sottolineato l’assessore regionale Fernanda Cecchini – si conferma vitale, ricco di potenzialità, e da parte delle imprese c’è la voglia di sfruttarle appieno e di competere”. “Ne è una prova – ha proseguito l’assessore – anche l’alta adesione ai bandi di attuazione di questa misura del Programma di sviluppo rurale, per la quale la Regione ha messo a disposizione dei ‘Gal’ circa 17 milioni di euro, con una priorità assoluta per le imprese tabacchicole. L’ammontare degli aiuti richiesti – ha sottolineato – ha superato la dotazione finanziaria, confermando la valenza della scelta compiuta a sostegno delle produzioni agricole, del reddito delle imprese e dell’occupazione e di conseguenza dell’economia locale e regionale”.

Con le risorse messe a disposizione del Gal Media Valle del Tevere, dal momento della pubblicazione del bando, sommate a quelle derivanti dalla rimodulazione del Piano di Sviluppo Locale, risultano a oggi finanziate 41 aziende inserite all’interno dei comuni tabacchicoli facenti parte del Gal: di queste aziende, 32 sono tabacchicole in ristrutturazione (27) o in riconversione (5). All’interno dei comuni non tabacchicoli (Massa Martana, Acquasparta e Avigliano Umbro) sono stati finanziati 9 progetti. Per quanto riguarda invece le aziende di trasformazione alle quali era riservata l’azione B della misura 411 (supporto agli investimenti per l’accrescimento del valore aggiunto di prodotti agricoli), tutti e sette i progetti risultano ammessi a contributo. In totale, il Gal Media Valle del Tevere ha quindi finanziato 57 domande di aiuto, per un importo complessivo pari a 4.066.424,71 euro per l’azione A (3.416.493,58 euro per i comuni tabacchicoli; 649.931,13 euro per i comuni non tabacchicoli) e 959.373,76 euro per l’azione B. Restano pertanto in graduatoria, da finanziare, 67 domande per un totale di contributi richiesti di 3.831.983 euro. Suddiviso per comuni, ecco dove operano le imprese agricole o agrituristiche del territorio del Gal Media Valle del Tevere che hanno presentato le domande. Marsciano: 26 (azione A: 25; azione B: 1); Perugia: 24 (azione A: 22; azione B: 2); Todi: 22 (azione A: 21; azione B: 1); Collazzone: 8 (azione A); Assisi: 7 (azione A: 6; azione B: 1); Torgiano: 6 (azione A); Massa Martana: 6 (azione A comuni non tabacchicoli); Deruta: 5 (azione A); Bastia Umbra: 5 (azione A: 4; azione B: 1); Bettona: 5 (azione A: 4; azione B: 1); Fratta Todina: 4 (azione A); Corciano: 2 (azione A); Avigliano Umbro: 2 (azione A comuni non tabacchicoli); Acquasparta: 1 (azione A comuni non tabacchicoli); Montecastello di Vibio: 1 (azione A).

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*