Il sindaco Proietti in campo per salvare lavoro alla Colussi

obbiettivo comune di andare verso lo sviluppo industriale

Il sindaco Proietti in campo per salvare lavoro alla Colussi

Il sindaco Proietti in campo per salvare lavoro alla Colussi

PETRIGNANO – “Il lavoro è il lavoratore. E’ la sua vita, la sua dignità. Il lavoro è la dignità dei cittadini, delle famiglie, di un tessuto socio economico, di un territorio, di una città. Per questo l’Amministrazione Comunale di Assisi è stata ed è vicina ai lavoratori della Colussi. In questo momento di incertezza è stata e sarà vicina ai dipendenti e all’azienda, al fine di difendere un lavoro che è legato ad un’impresa storica del territorio e ad una filiera, quella agroalimentare, radicata e identitaria nella realtà di Assisi”.

Così ha detto il Sindaco Stefania Proietti a seguito della partecipazione alla manifestazione indetta sabato scorso a Perugia da CGIL per Perugina, Colussi ed altre aziende umbre in grave crisi.

La partecipazione alla mobilitazione da parte del Sindaco Stefania Proietti -insieme al vicesindaco Valter Stoppini e all’Assessore Eugenio Guarducci- è solo l’ultimo atto di una solidarietà non sbandierata ma mai mancata. I lavoratori Colussi erano stati ricevuti nella casa comunale sin dallo scorso 14 marzo, con una delegazione della RSU e con i rappresentanti sindacali di FLAI-CGIL, FAI-CISL e UILA-UIL. La Giunta Proietti insieme all’Amministrazione è vicina e solidale ai lavoratori che rischiano di essere considerati in esubero, ritenendo il lavoro la vera condizione di emancipazione dell’uomo.

Per questo intende continuare a tenere alta l’attenzione ribadendo oggi come a marzo scorso l’obbiettivo comune di andare verso uno sviluppo industriale che possa rafforzare sempre di più il ruolo dell’azienda nel territorio di Assisi.

In particolare il Sindaco di Assisi Stefania Proietti punta l’attenzione su progetti di innovazione a forte base territoriale in merito ai quali Colussi aveva già chiesto finanziamenti. “Il piano -spiega- prevedeva accordi con la filiera agricola locale volti alla realizzazione di prodotti alimentari di largo consumo basati su materie prime a km 0 e quindi con ridotto impatto ambientale.

Caratteristica oggi più che mai riconosciuta dal mercato, anche internazionale, come premiante. Una misura che -se approvata- sarebbe un importante incentivo per le filiere agricole locali, con un abbattimento notevole dell’ impatto ambientale circa l’approvvigionamento delle materie prime come già sperimentato con successo da Colussi dopo l’abbandono dell’uso dell’olio di palma. Una misura di rilancio -conclude il Sindaco- che andrebbe sicuramente nella direzione di tutela dei livelli occupazionali e soprattutto legherebbe ancor di più l’azienda al suo territorio”.

A tale fine nei prossimi giorni il Sindaco chiederà un nuovo incontro con RSU e lavoratori e si farà parte attiva con un unico scopo: difendere il più possibile i posti di lavoro che sono la dignità delle famiglie di questo territorio.

Print Friendly, PDF & Email

4 Commenti

  1. Bravo il Sindaco. La Colussi e’ una realta’ assisana che deve essere parte attiva dello sviluppo economico territoriske. Salvaguardare i lavoratori orima di tutto.

  2. Plaudo anch’io all’iniziativa e mi compiaccio della posizione del “Grillo” se non altro penso di aver portato,nel mio piccolo, un po’ di serenità al dialogo. Contribuiamo tutti e in tutti i modi alla riqualificazione del territorio.

  3. E bravo il Sindaco che dopo la mia polemica di 48 ore fa esce subito su Assisi Oggi e oltre a farsi vedere alla Perugina si schiera a favore dei lavoratori della Colussi con tutto il PD schierato…sarà sicuramente una coincidenza….comunque se i nostri commenti servono da stimolo e pungolo (si dice cosi?)per questioni molto serie ed importanti come il lavoro ben vengano…credo siano graditi…

  4. Speriamo che dopo quanto fatto dalla dirigenza Colussi stamani, il nostro Sindaco scenda in campo in maniera più forte..noi sicuramente saremo dalla sua parte a salvaguardare 125 famiglie.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*