Una strada, la SP250, da riqualificare sollecitata, la Provincia provvederà

il degrado in cui versa da 30anni è un serio problema

Una strada, la SP250, da riqualificare sollecitata, la Provincia provvederà

da Francesca Corazzi e Paolo Lupattelli
PETRIGNANO – Una strada da riqualificare Che le frazioni più “sperdute” del nostro Comune fossero state abbandonate e dimenticate negli anni è un dato di fatto purtroppo abbastanza evidente. Ma pensare che una strada che attraversa tre frazioni quali Sterpeto, Rocca Sant’Angelo e San Gregorio non venga riqualificata per quasi 30 anni diventa quasi paradossale.

Preso atto della condizione piuttosto grave in cui versa la Strada Provinciale 250, via che parte dal cimitero di Petrignano e raggiunge Pianello, il Partito Democratico si è mobilitato ormai da qualche tempo e grazie all’impegno di alcuni suoi tesserati è riuscito a presentare un dossier riepilogativo sulla situazione che, tramite gli uffici comunali, è stato presentato in Provincia (ente a cui spetta la competenza della strada) sollecitando la necessità di adoperarsi e di porre questo intervento come prioritario per quanto riguarda la manutenzione delle strade provinciali del nostro territorio.

In seguito a questa azione il consigliere provinciale con delega alla viabilità Erika Borghesi ha effettuato un sopralluogo insieme al vice sindaco Valter Stoppini e ha constatato l’effettiva necessità di intervento.

Il tratto che presenta più problematiche è quello che parte dal cimitero e arriva all’incrocio con la svolta per Rocca Sant’Angelo. I piccoli interventi “tappa buche” purtroppo non garantiscono una soluzione a lungo termine e molto spesso in seguito ai violenti ed improvvisi rovesci piovosi divenuti sempre più diffusi in questi tempi il manto subisce un deterioramento molto rapido.

Pur non essendo una zona ad alta densità di traffico questa situazione rappresenta un notevole problema per molte famiglie e attività di accoglienza turistica che si trovano nell’area. Il Partito Democratico di Assisi è vigile e continuerà a battersi per garantire a tutte le frazioni del proprio territorio l’attenzione che meritano.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*