Carta Montagna Assisi Giorgio Bartolini non slogan ma documento programmatico

Rispetto per un documento programmatico e di denuncia redatto da tempo

Carta Montagna Assisi Giorgio Bartolini non slogan ma documento programma

Carta Montagna Assisi Giorgio Bartolini non slogan ma documento programmatico

Ieri 13 giugno 2016 si è svolto un incontro tra i firmatari della «Carta della Montagna di Assisi» e il gruppo di lavoro del candidato sindaco Giorgio Bartolini. “Ho fortissimamente voluto questo momento di confronto perché ritengo che la «Carta» non sia, com’è passato a mezzo stampa, l’ennesimo slogan o un mero strumento elettorale di parte. E’ un documento programmatico e di denuncia redatto da tempo dai rappresentanti dei cittadini di una fondamentale parte di Assisi e per questo deve avere lo spazio che merita sia prima, sia dopo le elezioni”, ha dichiarato l’aspirante sindaco. Con questo passo Bartolini ha voluto ribadire di voler essere il sindaco di tutti e che la concertazione tra il mondo locale e l’amministrazione comunale è fondamentale perché Assisi possa entrare in un fattivo circolo virtuoso.

Analizzando uno a uno i punti della «Carta», sottoscritta dalle maggiori realtà associative di Costa di Trex, S.M.Lignano, Porziano, Armenzano, S.Anna, si è discusso dell’attuabilità e delle coperture finanziarie delle proposte ivi elencate: manutenzione e miglioramento dell’attuale rete viaria grazie ad una costante interazione con la Regione e l’utilizzo della misura 7.2.1 del vigente P.S.R., riscoperta della toponomastica locale e piantumazione di opportuna cartellonistica che qualifichi turisticamente e civilmente la zona, regimazione delle acque, partecipazione civica e presidio del territorio da parte dell’amministrazione pubblica anche grazie a riunioni periodiche con le realtà locali, recupero immobili pubblici, valorizzazione centri minori con l’implementazione di percorsi turistici ed enogastronomici, miglioramento dell’attuale gestione dei rifiuti, futuro del Parco del Subasio, banda larga, contrasto allo spopolamento tramite incentivi fiscali e prestiti d’onore.

La coalizione di Giorgio Bartolini ha dichiarato di avere per la zona montana idee semplici ma concrete, e ha ribadito che il rilancio di Assisi passa anche attraverso il rilancio del Monte Subasio. Continua quindi senza soluzione di continuità il confronto con i cittadini assisiati di Bartolini che qui, come in tante altre occasioni, si è avvalso delle competenze di membri del suo gruppo di lavoro come referenti e promotori di iniziative nel territorio e nelle frazioni in cui vivono.

Bartolini in ultimo ha dichiarato: “Coerente al mio modo di lavorare, imposterò questo ultimo stralcio di campagna elettorale, in previsione del ballottaggio di domenica 19 giugno, all’insegna della vicinanza e ascolto dei problemi della mia gente, chiamandomi fuori da accordi sotterranei o critiche sterili nei confronti degli altri avversari politici. Vinca il migliore, per il bene di Assisi”

Print Friendly

1 Commento su Carta Montagna Assisi Giorgio Bartolini non slogan ma documento programmatico

  1. COME SI FA A COMMENTARE UN ARTICOLO, VE NE SONO TANTISSIMI,FALSI, STRUMENTALI E DEGNI DELLA CONSIDERAZIONE POLITICA TRUFFALDINA CHE NEGLI ULTIMI ANNI IL POPOLO SI E CREATA DI CHI CI GOVERNA, DESTRA, SINISTRA CENTRO, ATTACCO, DIFESA, CI HANNO TUTTI TRUFFATO, LA POLITICA L’HANNO FATTA DIVENTARE TUTTI UNA COSA SPORCA. GUARDIAMOCI INDIETRO, DALLA INIZIALE “A” ALLA INIZIALE “Z”, RIUSCITE A TROVARE UN NOME CHE PRIMA O POI ,NELLA SUA CARRIERA POLITICA NON ABBIA AGITO SOLO PER I PROPRI INTERESSI, CHE NON ABBIA “INTRALLAZZATO” E PEGGIO….RUBATO. CREDO SIANO POCHISSIMI, UOMINI VERI CHE HANNO AMATO IL PAESE ED HANNO DATO TUTTE LE LORO MIGLIORI CAPACITA’, VIRTU’ ED ENERGIE PER IL SUO BENE.
    ED ALLORA NON VOTIAMO? ASSOLUTAMENTE SI. IL VOTO PER CHI E’ CAPACE DI ASSUMERSI LE PROPRIE RESPONSABILITA’ E’ UN DOVERE IMPRESCINDIBILE CHE DECIDERA’ IL NOSTRO FUTURO E QUELLO DEI NOSTRI FIGLI. DOBBIAMO AVERE IL CORAGGIO E LA VOLONTA’ DI FARLO PER COSTRUIRE IL NOSTRO FUTURO, SBAGLIEREMO ?, NON HA IMPORTANZA, AVREMO MODO DI RICREDERCI E MIGLIORARE, SE SAREMO STATI NOI PROGRAMMARE IL NOSTRO AVVENIRE.
    CITTADINI DI ASSISI, UN VECCHIO PROVERBIO RECITA ” CHI LASCIA LA STRADA VECCHIA E NE PRENDE UNA NUOVA, SA QUEL CHE LASCIA, MA NON SA QUEL CHE TROVA”. LA VECCHIA STRADA DA TANTI ANNI CI HA SEMPRE CREATO ENORMI DELUSIONI, PROMESSE DI MIGLIORAMENTI GESTIONALI MAI MANTENUTI,
    CONFERME DI GRANDI DISAGI ECONOMICI ED AMBIENTALI, CI HA FATTO INGOIARE TANTI AMARI BOCCONI SENZA CHE POTESSIMO INTERVENIRE IN ALCUN MODO, ACCETTANDO SCAMBI DOVUTI DI FAVORITISMI E CONTRO UN POTERE DA NOI NON CONTESTABILE.
    MA LA VOGLIAMO PRENDERE QUESTA STRADA NUOVA CHE FORTUNATAMENTE CI E’ CAPITATA O VOGLIAMO CONTINUARE A PIANGERE SUL LATTE INUTILMENTE VERSATO.
    UN ALTRO PROVERBIO MOLTO CONOSCIUTO E’ ” CHI E’ COLPA DEL SUO MAL PIANGA SE STESSO ” .
    VOTATE AMICI, VOTATE SEGUENDO LA VOSTRA COSCIENZA E LE VOSTRE ASPETTATIVE PER UN FELICE E SE POSSIBILE MIGLIORE DOMANI

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*