Ma quale immobilismo amministrativo ad Assisi? Replica del vicesindaco Stoppini

Con lui anche i conglieri Francesca Corazzi e Paolo Lupattelli

Ma quale immobilismo amministrativo ad Assisi? Replica del vicesindaco Stoppini
valter stoppini

Ma quale immobilismo amministrativo ad Assisi? Replica del vicesindaco Stoppini Non siamo soliti lasciarci trasportare dall’istinto e rilasciare dichiarazioni in risposta ad accuse partite dalla penna (o dalla tastiera) di vecchi amministratori che hanno ritrovato improvvisamente la verve politica di un tempo dopo anni e anni di silenzio. Ma questa volta, come rappresentanti delle frazioni di Petrignano, Torchiagina, San Gregorio, Rocca Sant’Angelo e Sterpeto, ci siamo sentiti in dovere di rispondere alle reiterate accuse di immobilismo sbandierate su quotidiani online ma anche su ben più noti cartacei.

Ed è sorprendente notare come una persona che ha ricoperto cariche comunali per anni e anni e che conosce a menadito ogni ingranaggio della macchina amministrativa dica, citiamo testualmente, “è tutto fermo”, dopo appena tre mesi dal ballottaggio e circa due mesi e mezzo dall’insediamento del nuovo governo della città. Senza tralasciare che quella che sta volgendo al termine è da considerarsi come l’estate più ricca di appuntamenti da almeno 20 anni a questa parte. In poco più di un mese Papa Francesco ha onorato la città serafica con due visite, cosa mai accaduta prima, e la seconda in occasione del 30° Spirito di Assisi, appuntamento di importanza a livello mondiale.

Eventi così straordinari non solo necessitano di avviare un’organizzazione che vede coinvolti tutti gli uffici comunali e tutto il personale su cui può contare il sindaco, ma sono capitati in un periodo storico che richiede un’attenzione ad ogni minimo particolare superiore a quella che poteva essere anni fa. Nonostante ciò possiamo rassicurare i cittadini che ci siamo presi carico personalmente dei progetti già avviati in passato (anche se alcuni decisamente rivedibili) e ormai prossimi alla realizzazione (siamo alla pubblicazione della gara d’appalto).

Progetti che avrebbero potuto vedere la luce con netto anticipo se solo la vecchia amministrazione avesse avuto la consapevolezza necessaria per accelerare la procedura piuttosto che incaponirsi su aspetti di importanza relativa.

Parlando concretamente, per quanto concerne Petrignano, ci stiamo riferendo alla valorizzazione del Monumento ai Caduti, ai nuovi punti luce che verranno installati in via del Castello, alla riqualificazione e all’ampliamento del parcheggio adiacente al fiume Chiascio, alla realizzazione del marciapiede di collegamento con Piazza L. Masi e alla depolverizzazione di un tratto di via del Chiascio. Per quanto riguarda la riqualificazione della rotatoria in Piazza S. Pietro e la realizzazione del dosso di rallentamento il processo è necessariamente più lungo. Essendo materia che fa capo alla provincia ci siamo messi in contatto con gli uffici destinati che hanno affermato la presenza di un progetto in via di approvazione ma che per la realizzazione concreta richiederà come logico un lasso di tempo più lungo rispetto agli altri interventi.

Oltre a questo sarà prossima la sostituzione dei contenitori della raccolta differenziata in via del Castello con altri che meglio si sposeranno con il contorno urbano. Per quanto riguarda la pulizia delle strade del paese ci stiamo battendo fin dai primi giorni e dei risultati li abbiamo già ottenuti. Gli occhi più attenti avranno notato che gli operai dell’Ecocave sono intervenuti già due volte nell’ultimo mese per la pulizia a fondo del Castello e del vicolo che affianca il Bar Mama, operazione che mai era stata sollecitata in precedenza.

Gli operatori si sono anche occupati della pulizia nei Castelli di Sterpeto e Rocca Sant’Angelo. Inoltre in virtù della sconsiderata decisione della passata amministrazione di limitare ad una volta ogni quindici giorni la pulizia delle strade del paese di Petrignano ci stiamo impegnando a fondo al fine di riportare questa ad almeno una volta a settimana. Detto ciò rassicuriamo inoltre i cittadini che è in programma prossimamente un’assemblea pubblica durante la quale saremo a disposizione per qualsiasi domanda o richiesta e dove esplicheremo con più completezza questi concetti (cosa mai fatta negli ultimi dieci anni), augurandoci che in futuro, piuttosto che scatenare inutili polemiche sui social o sui giornali, ci sia modo di instaurare un dialogo anche con coloro che dopo tanto tempo di latitanza ingiustificata riscoprono la passione per il proprio territorio.

Vice Sindaco        Valter Stoppini

Consiglieri    Francesca Corazzi

Paolo Lupattelli

Print Friendly

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*