Primo Piano sull’Autore Assisi, Giorgio Bartolini presenta interpellanza

L'ex sindaco attacca l'assessore Eugenio Guarducci

Primo Piano sull'autore Assisi, Giorgio Bartolini presenta interpellanza
Giorgio Bartolini

Primo Piano sull’Autore Assisi, Giorgio Bartolini presenta interpellanza ASSISI – Ad Assisi dopo 34 anni la fortunata edizione della rassegna dedicata al cinema italiano “Primo Piano Sull’autore, rassegna del cinema italiano”, viene interrotta. La conferma viene dal direttore artistico Franco Mariotti. Il motivo è da ricercare nell’insufficiente comprensione del valore della manifestazione da parte dell’assessore alla cultura e turismo Eugenio Guarducci avendo “egli della cultura un’idea tutta sua”.

La rassegna è una manifestazione importante mai interrotta neanche durante il periodo del terremoto. Il direttore artistico Franco Mariotti ha ricordato in una lettera al sindaco di Assisi che si sono avvicendati nella città durante questo periodo oltre 100 tra artisti, attori e registi. Persone del calibro di Ermanno Olmi, Alberto Lattuada, Michelangelo Antonioni, Luigi Comencini, Gillo Pontecorvo, Mario Monicelli, Alberto Sordi, Franco Zeffirelli, Carlo Verdone, Michele Placido, Vittorio Gassman, Aurelio de Laurentiis, Lino Banfi, Gina Lollobrigida, Elsa Martinelli, Monica Vitti, Ornella Muti, Maria Grazia Cucinotta, Franco Nero, Giuliano Gemma, Christian De Sica, Giuseppe Tornatore e tanti altri.

Alcuni dei partecipanti sono vincitori di premi Oscar. Essi con la loro presenza hanno certamente contribuito a elevare il livello culturale della città di Assisi, portando nel nostro ambiente la storia del cinema italiano dal Dopoguerra a oggi. La rassegna è così divenuta un punto di riferimento della cultura cinematografica italiana. Il direttore artistico ricorda altresì che ne è nata una collana di volumi ciascuno dedicato all’opera del protagonista di ogni singolo evento.

Non pare trascurabile in questa sede che la presa di posizione dell’assessore Guarducci non dà la possibilità alla città di Assisi, come è stato in questi anni, di rendere omaggio a uno dei suoi figli migliori, Domenico Meccoli, riconosciuto critico cinematografico a livello internazionale, che è stato direttore per molti anni della biennale del cinema di Venezia. Infatti a  questa rassegna è stato affiancato il conferimento del premio “Domenico Meccoli, Scrivere di Cinema” dedicato all’illustre cittadino di Assisi, che rappresenta un importante riconoscimento nell’ambito nel panorama cinematografico nazionale.

Il già assessore alla cultura Serena Morosi ha ricordato il successo dell’ultima manifestazione. Infatti circa 1.500 persone hanno assistito alla proiezione di film e cortometraggi nei cinque giorni di proiezione. Queste le attività ricettive coinvolte in un periodo di scarsa per non dire nulla affluenza turistica: Dimore San Crispino, Hotel Priori, Hotel Belvedere, Hotel Roma, Hotel Del Viaggiatore, Hotel Giotto, Hotel Fontebella, Hotel Umbra, Hotel San Rufino, Hotel Posta, Camere Pecetta, Camere Mariani Marini, Camere Martino.

Sbaglierebbe chi pensasse che la rinuncia all’iniziativa sia dovuta all’onorosità del suo costo, in quanto l’impegno finanziario per il Comune è di qualche migliaio di euro, a fronte di un buon ritorno in termini di immagine, di presenza turistica e di effettiva crescita culturale della città. Per queste ragioni appare del tutto incomprensibile la presa di posizione polemica dell’assessore e con lui dell’amministrazione comunale di Assisi nei riguardi di questa manifestazione che ha portato lustro e beneficio alla città e la cui interruzione costituirebbe un danno difficilmente riparabile.

Tutto ciò premesso si chiede che venga mantenuta la rassegna con una chiara manifestazione di apprezzamento da parte del Comune.

Assisi 27 settembre 2016

Giorgio Bartolini

Consigliere comunale

Print Friendly

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*