Sindaca ingegnere socia 3 società, Bartolini, potenziale conflitto interessi

elevato un muro contro la minoranza per evitare la discussione

Sindaca ingegnere socia 3 società, Bartolini, potenziale conflitto interessi

Sindaca ingegnere socia 3 società, Bartolini, potenziale conflitto interessi  da Giorgio Bartolini, Emidio Fioroni e Moreno Fortini ASSISI – Il consiglio comunale svoltosi in data odierna prevedeva la discussione intorno alla mozione presentata da alcuni consiglieri di minoranza in merito al potenziale conflitto d’interessi della sindaca Proietti in quanto ingegnere e socia di tre società operanti nell’ambito delle deleghe che lei stessa si è riservata. La maggioranza di centrosinistra non ha voluto discutere la mozione adducendo motivazioni risibili, in cui non si può essere d’accordo, nel metodo e nel merito.

Per il metodo, un parere di tale importanza non lo può dare un dirigente, sottoposto al diretto controllo e valutazione del Sindaco. Insomma si è chiesto al collaboratore dell’oste se il vino è buono.

Per il merito, la norma di riferimento è l’art. 78, i primi 3 commi. Queste norme fissano un principio generale e prognostico, determinando una presunzione a monte di conflitto di interessi quando l’assessore e a maggior ragione il Sindaco, con deleghe all’urbanistica e all’edilizia, all’ambiente energia e rifiuti svolgono attività in prima persona o con società di loro riferimento, ritenendole presuntivamente in conflitto, tant’è che li obbliga a non svolgere l’attività.

Questa ultima dizione va intesa in senso lato, ovvero, vi è conflitto di interessi quando in questa materia si opera in modo diretto e indiretto, avendo interessi economici.

Essere una sindaca ingegnere socia di tre società e amministratrice di due che si occupano di cose attinenti alle materie delle deleghe crea un potenziale conflitto di interessi, che la legge censura. Delle due l’una: la sindaca cede le quote oppure cede le deleghe. Diversamente ogni atto del comune potrà apparire privo del carattere della imparzialità e del buon andamento. Insomma è la storia della moglie di Cesare che oltre ad essere onesta deve apparire onesta e della opportunità che la legge ha tramutato in obbligo.

Purtroppo l’attuale maggioranza in consiglio comunale, paladina a voce della trasparenza, ha elevato un muro contro la minoranza per evitare la discussione che quindi non ha avuto luogo.

Peccato!!

Giorgio Bartolini

Emidio Fioroni

Moreno Fortini

Print Friendly

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*