Assisi, ordinati diaconi otto seminaristi di cinque diocesi umbre

l'ordinazione diaconale(assisioggi.it) ASSISI – Diverse migliaia di fedeli provenienti dalle Diocesi umbre di Assisi-Nocera Umbra-Gualdo Tadino, Città di Castello, Orvieto-Todi, Perugia-Città della Pieve e Terni-Narni-Amelia hanno partecipato, nel pomeriggio del 31 agosto, alla solenne celebrazione eucaristica dell’ordinazione diaconale di otto seminaristi delle loro comunità diocesane tenutasi nella basilica di Santa Maria degli Angeli in Assisi. Si tratta di Carlo Cecconi di Assisi, di David Tacchini e Simone Valori di Città di Castello, di Lorenzo Marazzani, Marco Cappellato e Matteo Rubechini di Perugia, di Emanuele Frenguelli di Orvieto e di Jacopo Tacconi di Terni, che hanno espresso il desiderio ai loro vescovi di essere insieme ordinati diaconi nella basilica della Porziuncola.

A presiedere la celebrazione è stato l’arcivescovo di Perugia-Città della Pieve e presidente della Ceu mons. Gualtiero Bassetti insieme ai vescovi mons. Domenico Sorrentino, mons. Domenico Cancian e mons. Benedetto Tuzia. Presenti anche numerosi sacerdoti e religiosi, tra i quali il rettore uscente del Pontificio Seminario Regionale “Pio XI”, mons. Nazareno Marconi, e il suo successore, mons. Carlo Franzoni, vicario generale di Orvieto-Todi. Mons. Bassetti, durante l’omelia, ha ufficializzato il “passaggio del testimone” tra i due sacerdoti nel rivolgersi con queste parole agli otto neo diaconi: «Si rallegra il nostro Seminario Regionale e l’Istituto Teologico di Assisi che con premura ed attenzione vi stanno preparando al Presbiterato. Un pensiero di profonda gratitudine va a mons. Nazareno Marconi, che dopo nove anni lascia la guida del Seminario. Un grazie sentito anche a mons. Carlo Franzoni, che su proposta di noi vescovi è stato nominato dalla Congregazione per il Clero e i Seminari rettore del Pontificio Seminario di Assisi. Con lui – ha aggiunto mons. Bassetti – accogliamo con gioia anche il nuovo vice rettore, don Gianluca Bianchi della Diocesi di Terni-Narni-Amelia».

Il presidente della Ceu ha poi detto ai neo diaconi «siete una ricchezza per le nostre Chiese umbre che oggi esultano, in particolare quelle a cui appartenete e noi vescovi abbiamo molto apprezzato il vostro affetto al Seminario, la stima nei confronti degli educatori, la forte amicizia che intercorre fra voi, maturate in diversi anni di vita in comune. Sono proprio questi i motivi che ci hanno spinto ad accogliere la vostra richiesta di essere insieme ordinati diaconi in questo luogo della Porziuncola, che fu fra i più cari al serafico Padre Francesco. Egli, come ci dicono le Fonti, “per il suo singolare amore verso la Beatissima Vergine ebbe sempre cura della Porziuncola”. Papa Francesco, il 4 ottobre, a Dio piacendo, sarà qui e ben volentieri, noi vescovi, lo informeremo del gioioso evento della vostra ordinazione diaconale».

Mons. Bassetti ha avuto anche parole di incoraggiamento per i neo diaconi: «Non abbiate paura a prendere su di voi il giogo di Gesù e imparate da Lui la mitezza e l’umiltà del cuore. Cristo è la Luce del mondo e voi siete chiamati a riflettere la sua Luce. Possiate essere vero riflesso di Gesù e trasparenza del suo Vangelo. Col sano dono di grazia, con la scelta del celibato per il Regno, con la vostra nuova condizione di vita, col vostro ministero, sarete vera epifania del Signore!». Mons. Bassetti ha anche ricordato, nel consegnare loro il libro del Vangelo, «siete diventati gli annunciatori del Vangelo di Cristo: credete sempre ciò che proclamate, insegnate ciò che avete appreso nella fede, vivete ciò che insegnate. Non potrete dimenticare che avete ricevuto il diaconato nell’Anno della Fede. Il Papa emerito Benedetto XVI ha affermato che “attraversare la porta della fede, significa immettersi in un cammino che dura tutta la vita”».

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*