Missione negli States per il vescovo di Assisi

Angelus in Curia, ricordate vittime di Bruxelles e studentesse Erasmus
Vescovo-Domenico-Sorrentino

ASSISI – Le comunità Maria famiglie del Vangelo approdano in America, dopo un intenso lavoro organizzativo volto a sviluppare la positiva esperienza assisana oltre oceano. Il progetto verrà presentato nel mese di luglio e precisamente da mercoledì 8 a martedì 28 luglio.

Saranno venti giorni intensi, che vedranno il vescovo di Assisi monsignor Domenico Sorrentino, coadiuvato da Benedetta Maria Ena fondatrice dell’associazione “Discepoli ardenti di Gesù Crocifisso”, fortemente impegnato in celebrazioni, conferenze e momenti di condivisione con i parroci locali e le loro comunità.

“E’ una cosa bella – ha sottolineato monsignor Sorrentino – che questo progetto, germogliato nella terra del Poverello, all’insegna delle due cose a lui care, Vangelo e fraternità, abbia avuto in così poco tempo un ascolto dall’altra parte dell’Atlantico. Le comunità Maria famiglie del Vangelo – precisa il presule – non vogliono essere un ‘movimento’ o una associazione, dunque quello che nasce in America, o altrove, non fa capo organizzativamente a noi, ma è un metodo di rinnovamento della parrocchia attraverso le piccole comunità animate dal Vangelo e della condivisione fraterna. Vado per dare qualcosa della nostra esperienza, pur giovane, perché se ne facciano poi carico autonomamente nella pastorale locale.”
Questo importante progetto è iniziato a seguito della visita in Assisi di alcuni sacerdoti americani avvenuta ad ottobre del 2014.

Padre Edward White, parroco di St. Stephen the Marthir a Renton, Seattle, la terza parrocchia più grande di questa arcidiocesi, venuto a conoscenza dell’esperienza di chiesa come famiglia, ha ritenuto che questa poteva essere una risposta ai grandi turbamenti nei quali versa la famiglia cattolica americana. Non si è lasciato attendere poi l’invito al vescovo di Assisi da parte dell’arcivescovo Peter Sartain nella sua arcidiocesi. Dopo San Francisco, Seattle è la seconda città più liberale degli Stati Uniti, con grande turbamento e preoccupazione della comunità cattolica.
A novembre e dicembre 2014, sono state formate in America tre famiglie del Vangelo che hanno abbracciato con entusiasmo il progetto di Assisi ed ora sono pronte per essere consacrate e diventare di esempio per molte altre.

Durante la permanenza in America il vescovo visiterà l’Idaho nella diocesi di Boise City per il “Family Camp” con circa 200 famiglie che attendono il messaggio gioioso delle famiglie del Vangelo, dove incontrerà il vescovo del luogo monsignor Peter Christensen. Nel tragitto di ritorno verso Seattle il vescovo visiterà varie comunità religiose. E’ prevista una sosta di alcuni giorni anche a San Francisco in California, dove il vescovo incontrerà l’arcivescovo monsignor Salvatore Cordileone e la comunità francescana locale.

Print Friendly

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*