Con il Cuore

Morto cardinale Attilio Nicora, il ricordo del Sindaco di Assisi, Stefania Proietti

Aveva insegnato diritto canonico a Milano, diventando poi rettore del Seminario maggiore nel 1970

Morto cardinale Attilio Nicora, il ricordo del Sindaco di Assisi, Stefania Proietti
Morto cardinale Attilio Nicora, il ricordo del Sindaco di Assisi, Stefania Proietti

ASSISI – Il Sindaco Stefania Proietti, a nome della Città di Assisi, esprime sentito cordoglio per la morte del cardinale Attilio Nicora, legato Pontificio per le Basiliche di San Francesco e di Santa Maria degli Angeli in Assisi, deceduto ieri sera, all’età di 80 anni, alla clinica Pio XI di Roma, dove era ricoverato. “La Città di Assisi esprime gratitudine e riconoscenza per il servizio prestato dal Cardinale Nicora come legato pontificio per le Basiliche” ha affermato il Sindaco di Assisi Stefania Proietti “ruolo che lo ha portato ad Assisi anche in occasione delle celebrazioni francescane del 2016, nonostante i noti problemi di salute. Per questo e per tutti gli altri servizi resi alla società civile e alla Chiesa Cattolica italiane, esprimo un ricordo pieno di commossa gratitudine a nome di tutta la Città Serafica.”

L’Amministrazione di Assisi si unisce alle parole del Santo Padre che in un telegramma ha ricordato come il cardinale Nicora “lascia un ricordo carico di stima e di riconoscenza per il prezioso servizio offerto con singolare competenza alla Chiesa e alla società civile in Italia, specialmente nel campo giuridico in ordine alla revisione del Concordato lateranense e all’attuazione del sistema di sostegno economico alla Chiesa cattolica e di sostentamento del clero”.

Il cardinale Attilio Nicora nacque a Varese il 16 marzo 1937. Giurista laureato in giurisprudenza all’Università Cattolica del Sacro Cuore (1959) era entrato in seminario nella diocesi di Milano dove era stato ordinato prete nel 1964.

Aveva insegnato diritto canonico a Milano, diventando poi rettore del Seminario maggiore nel 1970. Nel 1977, appena quarantenne, venne nominato da Paolo VI vescovo ausiliare della diocesi ambrosiana dove si occupa della pastorale sociale e dei laici.

Fu inventore dell’8xmille e come primo presidente dell’ Aif, organismo di controllo delle finanze vaticane, avviò i provvedimenti attuativi in materia di lotta al riciclaggio e il dialogo con le istituzioni internazionali interessate. È ricordato, fra le altre cose, per essere stato uno degli artefici della revisione del Concordato firmata il 15 novembre 1984.
Dal 21 febbraio 2006 è stato legato pontificio per le basiliche di San Francesco e di Santa Maria degli Angeli in Assisi.

Print Friendly

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*