Santuario della Spogliazione, Carlo Acutis, assisano d’adozione in odor di santità

sarà commemorato giovedì 12 ottobre nel Santuario della Spogliazione con una messa celebrata dal vescovo monsignor Domenico Sorrentino

Santuario della Spogliazione, Carlo Acutis, assisano d’adozione in odor di santità

Santuario della Spogliazione, Carlo Acutis, assisano d’adozione in odor di santità

ASSISI  –  Un assisano d’adozione in odore di Santità. Carlo Acutis, il giovane originario di Milano, morto nel 2006 a soli 15 anni per una leucemia fulminante sarà commemorato giovedì 12 ottobre nel Santuario della Spogliazione con una messa celebrata dal vescovo monsignor Domenico Sorrentino alle ore 18,30 circa nell’ambito dell’iniziativa: “Palazzo vescovile, tra passato e futuro” con inizio alle ore 16,30. La prima parte sarà caratterizzata dalla relazione del professor Francesco Santucci sulla base delle ultime ricerche e scoperte sulla storia del complesso monumentale Vescovado-Santa Maria Maggiore.
Dopo l’omaggio al professor Santucci per il lavoro svolto in questi anni come responsabile dell’archivio vescovile ci sarà dunque la celebrazione a 11 anni dalla morte del giovane, già Servo di Dio e che è sepolto al cimitero di Assisi per sua espressa richiesta. Brillante informatico, impegnato nel volontariato e fervente credente tanto che da quando aveva ricevuto la Prima comunione a 7 anni, non aveva mancato all’appuntamento quotidiano con la santa messa.
Cercava sempre o prima o dopo la celebrazione eucaristica di sostare davanti al Tabernacolo per adorare il Signore presente realmente nel Santissimo Sacramento. La Madonna era la sua grande confidente e non mancava mai di onorarla recitando ogni giorno il santo rosario. La modernità e l’attualità di Carlo si coniuga perfettamente con la sua profonda vita eucaristica e devozione mariana, che hanno contribuito a fare di lui quel ragazzo specialissimo da tutti ammirato ed amato.

Forte il suo legame con Assisi dove i genitori continuano a essere presenti e dove è attivo proprio nella parrocchia di Santa Maria Maggiore l’oratorio a lui dedicato. “Non è un caso che sia stato scelto il Santuario della Spogliazione per la commemorazione di questo giovane – spiega il vescovo monsignor Sorrentino – : Carlo Acutis ha attualizzato con la sua vita la scelta di Francesco e in qualche modo reso reale l’auspicio del Santo Padre affinché questo nuovo santuario diventi luogo di discernimento per i giovani”. Intanto prosegue la causa di Beatificazione e sono in molti ad auspicare che Carlo Acutis, una volta proclamato beato, possa essere riconosciuto patrono di Internet.

Chi era Carlo Acutis

Carlo Acutis muore a soli 15 anni a causa di una leucemia fulminante, lasciando nel ricordo di tutti coloro che l’hanno conosciuto un grande vuoto ed una profonda ammirazione per quella che è stata la sua breve ma intensa testimonianza di vita autenticamente cristiana. Da quando ha ricevuto la Prima Comunione a 7 anni, non ha mai mancato all’appuntamento quotidiano con la Santa Messa. Cercava sempre o prima o dopo la celebrazione eucaristica di sostare davanti al Tabernacolo per adorare il Signore presente realmente nel Santissimo Sacramento. La Madonna era la sua grande confidente e non mancava mai di onorarla recitando ogni giorno il Santo Rosario. La modernità e l’attualità di Carlo si coniuga perfettamente con la sua profonda vita eucaristica e devozione mariana, che hanno contribuito a fare di lui quel ragazzo specialissimo da tutti ammirato ed amato.

Per citare le stesse parole di Carlo: “La nostra meta deve essere l’infinito, non il finito. L’Infinito è la nostra Patria. Da sempre siamo attesi in Cielo”. Sua è la frase: “Tutti nascono come originali ma molti muoiono come fotocopie”. Per orientarsi verso questa Meta e non “morire come fotocopie” Carlo diceva che la nostra Bussola deve essere la Parola di Dio, con cui dobbiamo confrontarci costantemente. Ma per una Meta così alta servono Mezzi specialissimi: i Sacramenti e la preghiera. In particolare Carlo metteva al centro della propria vita il Sacramento dell’Eucaristia che chiamava “la mia autostrada per il Cielo”.

Carlo era dotatissimo per tutto ciò che è legato al mondo dell’informatica tanto che sia i suoi amici, che gli adulti laureati in ingegneria informatica lo consideravano un genio. Restavano tutti meravigliati dalla sua capacità di capire i segreti che l’informatica nasconde e che sono normalmente accessibili solo a coloro che hanno compiuto studi universitari. Gli interessi di Carlo spaziavano dalla programmazione dei computer, al montaggio dei film, alla creazione dei sitiweb, ai giornalini di cui faceva anche la redazione e l’impaginazione, fino ad arrivare al volontariato con i più bisognosi, con i bambini e con gli anziani.

​Era insomma un mistero questo giovane fedele della Diocesi di Milano, che prima di morire è stato capace di offrire le sue sofferenze per il Papa e per la Chiesa.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*