Primi d'Italia

Furgone incastrato nel sottopassaggio tra Santa Maria e Tordandrea [ guarda le foto]

Sul posto gli agenti della Polizia locale al seguito del Tenente colonnello, Antonio Gentili e la Polizia del Commissariato di Assisi

Furgone incastrato nel sottopassaggio tra Santa Maria e Tordandrea
Foto Elivs Reka

Furgone incastrato nel sottopassaggio tra Santa Maria e Tordandrea

Un furgone Mercedes nuovo nuovo, condotto evidentemente da chi non ha né guardato i segnali né controllato l’altezza del mezzo, si è incastrato nel sottopassaggio che da Santa Maria degli Angeli porta nella frazione di Tordandrea. A giudicare dalle foto, di Eraldo Martelli ed Elvis Reka, il furgone sembra piuttosto danneggiato. Si vede chiaramente che si è infilato di botto nel sottovia.

Il risultato lo si vede dall’immagine, schiacciato il tetto ed esplosi i portelli posteriori. Uno, quello di destra, è addirittura caduto sull’asfalto. 

Sul posto gli agenti della Polizia locale al seguito del Tenente colonnello, Antonio Gentili. In collaborazione anche la polizia di Stato di Assisi, asl seguito del commissario, Francesca Di Luca.

Un sottovia, quello in questione, che l’Anas, pare, non volle fare più profondo per via del rischio di allagamento quando piove.

Ma, da quanto si sa, pare proprio che sia – quando piove – il primo ad allagarsi. La sua altezza, in ogni caso, è segnalata bene. Sono gli stessi lettori di Assisi Oggi a segnalarci che, in quel sottopassaggio, non è la prima volta che mezzi pesanti restano incastrati.

C’è anche chi dice che “quel cartello – 3 metri ndr – è troppo a ridosso” del sottovia. Non sappiamo, ma lo verificheremo, se all’esterno del tunnel  ci sia un’altra segnalazione. Dalla foto di Eraldo Martelli sembra che il segnale, fuori, non ci sia proprio.

Print Friendly, PDF & Email

3 Commenti su Furgone incastrato nel sottopassaggio tra Santa Maria e Tordandrea [ guarda le foto]

  1. Abbondantemente presente la segnaletica stradale. Non presenti, giustamente, i personaggi citati sempre rigorosamente ricordati da giornalisti e simili. Servo encomio di manzoniana memoria? Ai posteri, ovviamente, l’ardua sentenza…

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*