CAOS TRIBUNALI, COSÌ SI UCCIDE LA GIUSTIZIA!

tribunale assisiDi Carla Spagnoli
Presidente Onorario del Movimento per Perugia Mentre i Tribunali di Assisi, Gubbio, Foligno, Città di Castello e Todi son chiusi dal 13 settembre in virtù della legge sulla spending review, la nuova sede giudiziaria di Balanzano, che dovrebbe accorpare le udienze civili delle cinque città, ancora non è entrata in funzione a causa dei locali che, secondo l’ufficio comunale Provveditorato, sono indisponibili in quanto <necessitanti di lavori di adattamento e di trasferimento di fascicoli e arredi>. Il risultato è che le udienze civili che si dovevano tenere tra il 23 settembre e il 4 ottobre sono state tutte rinviate a gennaio e febbraio 2014, mentre l’allestimento delle aule d’udienza e delle cancellerie slitta di un’altra settimana. Si tratta di una vergogna e di uno schiaffo alla giustizia civile in Umbria, i cui effetti ricadono inevitabilmente sui cittadini umbri, costretti a vedere allungati i tempi già irragionevolmente lunghi per ottenere giustizia.

 

Il Movimento per Perugia, con un precedente intervento, aveva già denunciato l’assoluta inadeguatezza della sede e il rischio concreto di una completa paralisi della giustizia civile: il blocco, purtroppo, è avvenuto e così anche le udienze più urgenti sono state rinviate, con grave danno per i cittadini. Perché l’amministrazione comunale non ha provveduto a sistemare prima i locali per le udienze, quando la data di chiusura dei tribunali distaccati si conosceva da tempo? Perché ci si è cullati invece di intervenire celermente per non creare altri problemi agli umbri? Ma soprattutto, e lo chiediamo ancora una volta, perché si è scelta proprio la sede di Balanzano, zona industriale e mal collegata, un capannone con sole quattro aule su due piani non idonee per accogliere le udienze civili di cinque città?

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*