Rino Fredii, capogruppo del Pdl, interviene in merito all’ultima seduta del Consiglio

Assisi, Rino Freddii: "Il grande bluff"

rinofreddii(assisioggi.it) ASSISI – «Maggioranza compatta e opposizione sempre più divisa e nervosa nell’affrontare le tematiche amministrative: questo è quanto emerso anche durante il consiglio comunale del 9 ottobre».
Inizia così la nota di Rino Freddii, capogruppo del Popolo della Libertà, in merito all’ultima seduta della massima assise cittadina.
«Pd e Buongiorno Assisi (isolati) – prosegue Fredii – hanno votato contro la realizzazione da parte della casa di riposo Andrea Rossi
(una delle eccellenze di Assisi) dell’indispensabile collegamento sottostrada tra la sede attuale e la  palazzina Costanzi, recentemente ristrutturata per accogliere in maniera adeguata ulteriori 15 ospiti. Nemmeno l’interpellanza sulla mostra di Antonio Canova presentata da Pettirossi – prosegue – è riuscita a compattare la minoranza, che anzi ha abbandonato l’aula (ad eccezione della collega Travicelli) al momento della discussione, mettendo in evidente imbarazzo il capogruppo del Pd».

«Alle domande di Pettirossi – prosegue ancora il comunicato – chiaramente ispirate dall’articolo apparso su Il fatto quotidiano (che
evidentemente apprezza) dove si definisce “inutile” la mostra di Ca- nova e non si condivide la scelta di Assisi come sede, il sindaco Ricci ha opportunamente e puntualmente risposto evidenziando la valenza culturale e turistica (già numerosissimi i visitatori) sia di questa mostra a Palazzo Monte Frumentario che quella, in contemporanea, a Palazzo Bonacquisti dal titolo “San Francesco nel cammino di Santiago”. “Se fossimo stati al posto del Sindaco…” scrive all’indomani Pettirossi. Non ha ancora capito che continuare a dare comunque e sempre addosso alla maggioranza ed essere contrari alle proposte a prescindere, senza tenere conto delle esigenze dei cittadini e della città – conclude Fredii -ma pensando solamente alla propria parte politica, rende questa eventualità un traguardo impossibile da raggiungere».

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*