Palio dei Comuni a Montegiorgio di Fermo, Assisi portacolori dell’Umbria

Parteciperà con la cavalla Rugiada Sms una saura di 7 anni

Palio dei Comuni a Montegiorgio di Fermo, Assisi portacolori dell’Umbria

Palio dei Comuni a Montegiorgio di Fermo, Assisi portacolori dell’Umbria

FERMO – Assisi parteciperà al XXIX Palio dei Comuni con il cavallo Rugiada Sms che Viene da una vittoria incassata a Bologna quasi un mese fa con la guida di D’Ambruoso , che sarà suo compagno di avventura anche al San Paolo di Montegiorgio. Rugiada Sms è una cavalla saura di 7 anni, con 103 corse disputate (principalmente negli ippodromi del centronord), vanta 22 vittorie e 59 piazzamenti. Sarà una festa sotto il segno dei campanili  e per guardare e andare avanti, perché abruzzesi, marchigiani, e umbri hanno quell’energia e quella forza  che può nascere solo nel cuore di chi vive in luoghi dove si respira la bellezza e la cultura e …. di chi ama fare bene e con passione.

Al ristorante del San Paolo cucinerà lo staff dell’Hotel Roma di Amatrice e sarà presente il sindaco di Amatrice SERGIO PIROZZI e le amministrazioni di Accumuli e Arquata del Tronto.

L’ASCOLI PICCHIO SARÀ AL PALIO DEI COMUNI

Una parte dell’incasso delle giocate sarà devoluta all’associazione #SOSAAA l’hashtag che l’Ascoli Picchio utilizza per identificare tutte le iniziative di aiuto e raccolta fondi da destinare alle popolazioni gravemente colpite dal sisma del 24 agosto. Tre “A” per identificare i tre comuni simbolo della tragedia: Amatrice, Accumoli e Arquata.

L’appuntamento clou della stagione ippica dell’ippodromo San Paolo di Montegiorgio e dell’ippica nazionale avrà una nuova sfumatura e si chiamerà “Palio dei Comuni e della Solidarietà” a favore di Accumuli, Amatrice e Arquata del Tronto. All’iniziativa prenderà parte anche Sergio Pirozzi (sindaco di Amatrice dal 2009 e rieletto nel 2014) e le amministrazioni di Accumuli e Arquata.

Il sindaco Pirozzi ringrazia in anticipo tutte le persone che accorreranno all’ippodromo San Paolo per sostenere i tre comuni colpiti tragicamente dal terremoto: «La nostra presenza al San Paolo è prima di tutto un modo per ringraziare gli italiani per la sbalorditiva attenzione che ci hanno riservato da subito e che continua sempre ad essere molto forte.

Ho incontrato persone straordinarie, di grande cuore e che hanno dimostrato grande solidarietà, vera e concreta». La domenica del Palio, domenica 19 novembre,  il pranzo del Ristorante dell’Ippodromo sarà gestito dallo staff dell’Hotel Roma di Amatrice sotto l’attenta direzione di Alfonso Bucci, il figlio di Aleandro Bucci, fondatore della prima trattoria in via Roma ad Amatrice, trasformata successivamente in albergo, poi trasferito nella sede di via dei Bastioni e tragicamente distrutto dal terremoto. Menu all’amatriciana per tutti. Mangiarsi una grigia sarà un piacere per il palato e nel contempo un gesto di solidarietà per Accumuli, Amatrice e Arquata del Tronto.

IL PALIO

MONTEGIORGIO (FERMO) – Sulle orme dei tornei cavallereschi che in altri tempi hanno appassionato le genti delle Marche e delle regioni vicine, il Palio dei Comuni Lanfranco Mattii ripropone, in una sfida tra Comuni, nell’ambito ufficiale delle corse al trotto (è una corsa Gruppo 1, un evento sportivo di altissimo livello), lo spirito e i valori più nobili della competizione ippica. Un evento unico nel suo genere soprattutto per la ufficialità della partecipazione dei Comuni e per l’autenticità della passione che anima tanta gente a impegnarsi nella manifestazione. Dalla prima edizione, tutta fatta in casa ad oggi, è stata una crescita continua sia sul piano strettamente tecnico-sportivo sia su quello della partecipazione popolare.

La svolta sul piano tecnico avvenne nel ’93, quando, con la partecipazione dei campioni svedesi del momento, quali Park Avenue Katy, vincitrice di quella edizione, Meadow Prophet e First Sid, la corsa acquistò una valenza internazionale che si è consolidata nel tempo. Oggi il Palio è uno degli appuntamenti più importanti del calendario ippico nazionale e internazionale e un grande evento culturale. Alla corsa, un Gruppo 1, partecipano 24 cavalli in rappresentanza di altrettanti Comuni di Marche, Umbria e Abruzzo. Il regolamento prevede quattro prove: tre batterie da otto e una finale. La sfida si disputa il 19 Novembre 2017, ma l’aria della contesa e della festa si respira fin d’adesso. I Comitati dei Comuni si stanno riunendo per discutere sul cavallo che deve rappresentarli e sulle modalità della partecipazione alla grande kermesse e l’ippodromo sta selezionando spettacoli, iniziative per il grande giorno.

I 24 COMUNI PARTECIPANTI

Assisi (Perugia), Campofilone (Fermo), Castel Frentano (Chieti), Civitanova Marche (Macerata), Falerone (Fermo), Fermo (Fermo), Force (Ascoli Piceno), Grottazzolina (Fermo), Loreto (Ancona), Magliano Di Tenna (Fermo), Massa Fermana (Fermo), Mogliano (Macerata), Monsapietro Morico (Fermo), Montappone (Fermo), Monte Urano Fermo) Montegiorgio (Fermo), Montegranaro (Fermo), Petritoli (Fermo), Porto Sant’Elpidio  (Fermo), Rapagnano (Fermo), Ripatransone  (Ascoli Piceno), Sant’Elpidio a Mare (Fermo), Santa Vittoria in Matenano (Fermo)Servigliano (Fermo).

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*