Assisi, in città i bagni pubblici diventano gratuiti

Assisi si prepara per Pasqua: nuovi orari per la ZTL e servizi gratuiti

Assisi, in città i bagni pubblici diventano gratuiti

Ad Assisi i bagni pubblici diventano gratuiti, grazie alle risorse provenienti dall’imposta di soggiorno che sosterranno i costi dell’operazione per rendere la città sempre più accogliente e inclusiva.

Lo ha stabilito la Giunta comunale, con l’obiettivo di offrire maggiori servizi a cittadini, turisti e pellegrini, anche in vista del grande afflusso previsto per il Giubileo e i Centenari francescani.

Le procedure di gara che inizieranno a breve riguardano i servizi igienici pubblici di proprietà del Comune, collocati nelle aree della città di maggior afflusso turistico: Basilica di San Francesco, Basilica di Santa Chiara, Santuario di San Damiano, Eremo delle Carceri e Piazza del Comune.

In città sono inoltre presenti i servizi igienici pubblici e gratuiti presso tutti i parcheggi (Piazza Matteotti, Mojano, Porta Nuova, San Giacomo, Giovanni Paolo II, ponte San Vittorino, parcheggio Stazione) mentre sono pubblici e gratuiti anche le toilette presenti al Pincio, che sta vivendo una sempre maggior frequentazione da parte di cittadini e turisti.

La gratuità sarà attivata presumibilmente da ottobre 2024, quando si concluderanno le procedure per l’affidamento, come appalto di servizio, dell’attività di conduzione e manutenzione dei bagni pubblici mediante procedura aperta.

L’auspicio dell’amministrazione è che, grazie alle procedure scelte e alle maggiori risorse (finanziate con l’imposta di soggiorno) destinate a questo  servizio basilare la Città di Assisi diventi ancor più accogliente in vista degli importanti appuntamenti del Giubileo e dell’Ottavo Centenario Francescano.

L’obiettivo fondamentale è quello di mantenere i bagni pubblici nelle migliori condizioni possibili di sicurezza, funzionalità e decoro, offrendo un servizio migliore e a basso impatto ambientale.

La fruizione gratuita degli stessi, aperti tutti i giorni dell’anno, contribuirà a rendere la città ancora più accogliente, verso un numero sempre maggiore di visitatori e turisti.

Ai servizi comunali interessati dalla gara si aggiungono quelli privati gestiti in convenzione presso la Basilica di Santa Maria degli Angeli, mentre entro qualche mese saranno realizzati anche servizi igienici presso il Santuario di Rivotorto in collaborazione con i francescani conventuali.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*