Assisi non merita di essere trattata così, j’accuse di Jacopo Pastorelli

Il capolinea di questo tormentato percorso sono gli ultimi tre mesi

 
Chiama o scrivi in redazione


Assisi non merita di essere trattata così, j'accuse di Jacopo Pastorelli

Assisi non merita di essere trattata così, j’accuse di Jacopo Pastorelli

Un Comune di eccezionale importanza come quello di Assisi non merita il trattamento ricevuto negli ultimi 5 anni; non si governa (male) tra una colata di catrame e l’altra solo negli ultimi 3 mesi del proprio mandato, ma lo si deve fare con competenza, passione e con una visione decennale.

Ripercorrendo i 5 anni di amministrazione Proietti targata PD scorgiamo disastri su disastri: Assessori prima nominati e poi cacciati via a calci nel sedere, manifestazioni nate male e finite anche peggio (Universo Assisi), frazioni abbandonate insieme a tutti gli abitanti della montagna, debiti aumentati del 300% senza alcuna visione strategica, PD contro Assisi Domani, Assisi Domani contro PD, Proietti contro PD, Proietti contro tutti. E alla fine a rimetterci sono stati solo ed unicamente i cittadini Assisani.

Il capolinea di questo tormentato percorso sono gli ultimi tre mesi, tre mesi in cui qualcuno si è accorto di stare al Governo di questo Comune e per cercare ridicolmente di compensare a quanto non s’è fatto ha erroneamente pensato di essere a capo di una ditta di costruzioni, e non di un Comune, “tra una colata di catrame e l’altra”.

Il ritratto è quello di un fallimento a 360°, fallimento che non possiamo chiamare annunciato in quanto i cittadini Assisani avevano dato in mano a Stefania Proietti nel 2016 le chiavi del rinnovamento, chiavi che lei ha deciso di gettare il secondo dopo essersi ermeticamente barricata all’interno del palazzo Comunale (salvo qualche uscita tra un’inaugurazione ed un altra)

Chiavi che ora sono pronte ad essere raccolte da un nuovo Candidato Sindaco: Marco Cosimetti, il quale, dopo aver riunito tutto il centro-destra più civici sotto un’unica coalizione, sta finalmente dando una visione di Assisi che da troppi anni mancava; una visione internazionale con un serio piano per il rilancio del nostro Comune e della nostra città, la quale se ben amministrata non ha rivali in tutto il mondo!

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*