Colussi, con il 25 per cento dei consensi, l’UGL Agroalimentare è secondo sindacato

Colussi, con il 25 per cento, l'UGL Agroalimentare è secondo sindacato

Colussi, con il 25 per cento dei consensi, l’UGL Agroalimentare è secondo sindacato Si sono svolte dal 15 al 17 ottobre le votazioni per il rinnovo delle RSU presso lo stabilimento Colussi Group di Petrignano d’Assisi. Con oltre il 25% dei consensi, l’UGL Agroalimentare si attesta come il secondo sindacato all’intero dell’azienda, raddoppiando la propria presenza all’interno della RSU. Un successo sperato che, con quasi il triplo dei voti delle precedenti elezioni, rende tangibile la grande crescita della fiducia dei lavoratori verso la Federazione dell’UGL Agroalimentare.

“Negli ultimi mesi, abbiamo fortemente creduto nella nostra capacità di sentire e tradurre gli umori dei lavoratori umbri della Colussi, che già una volta ci avevano dato la conferma della bontà della nostra azione, con l’esito del referendum sull’accordo integrativo” – ha afferma Massimo Morelli, Segretario della Federazione provinciale dell’UGL Agroalimentare.

“Siamo un sindacato sensibile alle necessità dei nostri colleghi operai e – continua Morelli – la nostra presenza quotidiana in azienda ci da la forza di rappresentare, liberamente e senza alcun timore, le esigenze dei lavoratori tutti nel confronto con l’azienda, al fine di migliorare le condizioni di lavoro presenti e future dei dipendenti di Petrignano d’Assisi”.

“Nell’augurare buon lavoro ai neoeletti Manuele Mazzullo e Gianfranco Loreti, vogliamo ringraziare, in primis, tutti coloro che votando l’UGL Agroalimentare hanno voluto premiare il nostro impegno, incentivandoci a proseguire con ancora più motivazione nella difesa della dignità e dei diritti dei lavoratori Colussi. Il nostro grazie più sentito – conclude il Segretario Morelli – va alla totalità dei lavoratori che partecipando alle elezioni hanno dimostrato di credere ancora nel democrazia sindacale e nel ruolo fondamentale della RSU quale luogo di rappresentanza primaria delle istanze del lavoro. ”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*