Coronavirus, scuole chiuse ad Assisi dal 2 marzo? Tutto falso, anche audio WhatsApp


Scrivi in redazione

Coronavirus, scuole chiuse ad Assisi dal 2 marzo? Tutto falso, anche audio WhatsApp

Coronavirus, scuole chiuse ad Assisi dal 2 marzo? Tutto falso, anche audio WhatsApp

La sindaca di Assisi Stefania Proietti ha dovuto fare i conti con un falso messaggio audio a lei attribuito nel quale annuncia la chiusura delle scuole. “Sulla rete gira un audio con una voce attribuita FALSAMENTE a me  – scrive la sindaca – secondo cui annuncerei la chiusura delle scuole a partire da dopodomani. La voce e l’audio non sono miei e mi sono già attivata per presentare eventuale denuncia. Smentisco anche notizie come quella riportata nell’immagine che è un fake. Diffidando dal diffondere notizie false o allarmistiche, ribadisco l’invito alla cittadinanza a informarsi solo attraverso le fonti ufficiali e non dare retta alle fake news che vengono caricate on line o veicolate in chat. Al momento attuale, in assenza di disposizioni da parte di istituzioni superiori, le scuole nel territorio comunale sono regolarmente aperte.

Questo il testo del messaggio audio circolato sulle chat:
“Allora sono appena uscita dalla regione…l’ordinanza in realtà è stata rimandata perché le Marche l’avevano prevista da domani, invece il premier Conte ha deciso che tutte le regioni verranno coinvolte in un’ordinanza unica che dovrebbe partire per la chiusura delle scuole dopo domani, fino alla mezzanotte di 7 giorni dopo, quindi il 3 marzo. Tecnicamente domani le scuole sono aperte, poi ognuno si comporta come vuole, perché l’ordinanza dovrebbe partire da domani quando Conte con tutti i presidenti delle regioni deciderà, però aspettiamo…
Questo è ufficiale, perché io esco adesso dalla conferenza stampa in Regione dove prima dicevano che sarebbe partita domani e poi l’hanno dovuta smentire perché c’è una misura non più a carattere regionale ma nazionale. Il consiglio è quello comunque di aspettare l’ordinanza del ministero. Spero di essere stata chiara grazie a tutti.”

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*