Rotto tavolo trattative ad Assisi, Psi punta i piedi e vuole assessore

La sintesi di tutto questo è che un assessore andrebbe al Pd, uno ad Assisi domani e il Psi resterebbe a bocca asciutta.

Rotto tavolo trattative ad Assisi, Psi punta i piedi e vuole assessore
luigi bastianini

Rotto tavolo trattative ad Assisi, Psi punta i piedi e vuole assessore

di Marcello Migliosi
Non sfuggirà a nessuno che in Giunta mancando due assessori. Uno è il posto lasciato vacante da Eugenio Guarducci e l’altro, anche se – almeno a noi – non risultano atti ufficiali (ma solo ufficiosi) è quello dell’architetto milanese, Italo Rota. In città, il grande professionista, non si fa vedere da tempo. Nel frattempo, da quando si è dimesso il Patron di Eurochocolate, di incontri se ne sono fatti e nomi – anche di molto improbabili – ne sono circolati. L’ultimo, in ordine di tempo, è quello di Roberto Leoni, presidente di Sorella Natura.

Nei giorni scorsi si sarebbe consumata la “rottura” del tavolo delle trattative tra sindaco, rappresentanza Pd e socialisti. Una riunione che, i bene informati, comunicano essere stata “infuocata”, il “Garofano” è imbestialito, la causa è il mancato rispetto delle parti.

Leggi anche: Silvano Rometti a Leonelli, esclusione Psi decisa a Perugia e non a Roma

Secondo quanto si apprende la strategia sottesa sarebbe quella di far passare il criterio di un accordo, sul nome di uno o due assessori, passando attraverso il Partito democratico e la lista del sindaco Proietti, “Assisi Domani“. Abbiamo cercato di approfondire, ma nessuno dei vertici di Partito è stato rintracciato. Al telefono “cade improvvisamente” la linea, oppure si fanno affermazioni a mezza bocca su WhatsApp. Sì, insomma, un inutile e scialbo riserbo su un argomento che, invece, la popolazione meriterebbe di veder condiviso, dato che i nomi che usciranno dal “magico cilindro” dei Partiti e del Sindaco, saranno coloro che dovranno amministrare dei settori forti e strategici per la città.

Gli accordi sono accordi

Torniamo al Psi, gli accordi – se non andiamo errati – erano quelli che si sarebbe dovuto esprimere un “nome socialista“. E, a quanto ci risulta, sul “tavolo” di Stefania Proietti il Psi di nomi ne avrebbe messi due o tre. A questo pare non venga data la giusta importanza e due giorni fa ci sarebbe stata la “spaccatura”.

La sintesi di tutto questo è che un assessore andrebbe al Pd, uno ad Assisi domani e il Psi resterebbe a bocca asciutta. I socialisti, nei giorni scorsi – a quanto ci risulta – avevano messo un “punto fermo” sul fatto che in giunta vogliono un rappresentate, tra i nomi segnalati. E, ma su questo non c’è certezza, ci sarebbe stato anche un documento inviato al sindaco Proietti. Se le cose non dovessero cambiare, di certo il partito del Garofano farà le sue valutazioni. 

Anche perché, e questa è ancora una ferita che sanguina per il Psi, come ben si ricorderà alle elezioni i socialisti sono stati fatti “fuori” dalla corsa alle elezioni politiche, proprio per dar spazio alla rappresentanza ipertrofica del Partito democratico. Questo non depone certo a favore della “tenuta” del rapporto tra i due partiti. Del “Laboratorio politico” di un tempo c’è rimasto, davvero, solo il ricordo.  Come negli anni ‘Ottanta, ad Assisi servirebbe un “costruttivo contributo per un salto di qualità del discorso della sinistra“, senza il Psi ci sembra poco probabile a meno che non si voglia lo scontro.

Ci si dimentica troppo spesso che, i Socialisti, in Umbria, sono il gruppo più forte che c’è in tutta Italia. Al di là di questo, però se, come è vero, ci sono stati degli accordi pregressi, quegli accordi dovranno essere rispettati.

A sinistra di Luigi Bastianini (Psi) – come disposizione sugli scranni del Consiglio comunale di Assisi intendiamo – c’è troppo “silenzio“, come mai?

2 Commenti

  1. Caro luigi bastianini lo hai capito ora dopo 2 anni che non conti niente ma sei solo un povero consigliere comunale che deve alzare la manina a comando del tuo amato sindaco?

  2. A parte le considerazioni sopraespresse il problema vero rimane ben altro……il tempo corre e Assisi ha bisogno di essere amministrata ed amministrata BENE.
    Invito i concittadini che hanno votato questa coalizione a riconsiderare il loro voto…..se qualuno ha il coraggio di farlo dica apertamente che li ha votati e che NON lo rifarebbe ancora….

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*