Al teatro Lyrick presentato il libro “Assisi oltre le mura”

I lavori della presentazione sono stati moderati da Valentina Antonelli, giornalista della Rai

 
Chiama o scrivi in redazione


Al teatro Lyrick presentato il libro “Assisi oltre le mura”

Al teatro Lyrick presentato il libro “Assisi oltre le mura”

La presentazione del libro “Assisi oltre le mura” ha segnato ieri pomeriggio la riapertura del Teatro Lyrick. Un vero e proprio evento culturale, alla presenza di oltre 200 persone (nel pieno rispetto del distanziamento) e 1000 collegamenti in streaming, che si è svolto tra interventi, letture, immagini e accompagnamenti musicali.

Poco dopo le 17 il via con la lettura del canto XI del Paradiso della Divina Commedia da parte dell’attore Carlo Dalla Costa, con sottofondo musicale di Massimiliano Dragoni.

Ad aprire i lavori il sindaco Stefania Proietti: “La nostra amatissima Assisi è racchiusa in questo libro la cui realizzazione è avvenuta durante un evento eccezionale come la pandemia, il progetto culturale, fortemente voluto dalla presidente del consiglio comunale, Donatella Casciarri, è andato avanti raccogliendo i contributi degli autori che in queste pagine hanno messo sapere, cultura e cuore. Assisi, che ha un respiro a due dimensioni, con il suo patrimonio mondiale di bellezza è anche patrimonio mondiale di valori e questo va comunicato a tutti”.

Il libro raccoglie le diverse sfaccettature che rendono la nostra città incomparabile con qualsiasi altro luogo al mondo e mette a disposizione dei cittadini, dei curiosi e di tutti coloro che intendono interessarsi del nostro territorio, un insieme di informazioni che raccolte in questo testo rappresentano un’unicità che Assisi non ha mai visto prima.

Il presidente Donatella Casciarri ha spiegato la genesi del libro: “Raccontare la cultura, le tradizioni, gli usi, i costumi del nostro territorio senza fermarsi all’analisi del solo centro storico, ma allargando lo sguardo verso l’intero territorio di Assisi. Oggi più di ieri il valore della nostra città si può comprendere solo se ogni abitante del centro e della periferia si sente parte di un tutto, di una sola comunità”.

Prima di chiudere il presidente ha annunciato che “la presentazione del libro non termina oggi, ma è solo l’inizio di un percorso che ci accompagnerà durante l’estate in tutte le frazioni e nel capoluogo con passeggiate e momenti all’aperto dove gli autori saranno i protagonisti e racconteranno loro stessi i vari territori”.

Giulio Proietti Bocchini, curatore della pubblicazione, ha illustrato la struttura del libro entrando nel vivo dei contenuti: “Assisi oltre le mura è un’opera corale che racconta attraverso i testi dei suoi autori le peculiarità ambientali e paesaggistiche del territorio, le eccellenze artistiche e storiche del capoluogo ponendo altresì un forte accento sulle frazioni, sulle origini, le manifestazioni, allargando lo sguardo dalla pianura alla città murata”.

Secondo il professor Nicolangelo D’Acunto (professore ordinario di storia medievale -direttore del Dipartimento di Studi Medievali Umanistici e Rinascimentali e direttore del Centro di studi sugli insediamenti monastici europei (CESIME) presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore a Milano e Brescia) “si tratta di un bel libro, che mi ha permesso di capire il motivo per cui da 22 anni torno tutte le settimane qui. E’ significativo che una città come Assisi ricominci da un progetto culturale come questo libro che parte dalle istituzioni. Un aspetto molto importante perché quando le istituzioni diventano soltanto gestione perdono l’anima e la comunità stessa perde l’anima. Questa comunità l’anima ce l’ha ancora”.

Il direttore dell’Avvenire Marco Tarquinio, assisano doc, è un libro “per conservare la memoria, per darle sostanza. È bello notare come sia il frutto di un lavoro intellettuale collettivo, un ossimoro per chi fa il nostro mestiere perché gli intellettuali in genere lavorano per conto loro ma questo libro dimostra che ci sono alcune cose che vanno fatte insieme, perché le competenze che confluiscono possono dar vita a qualcosa di importante”.

La conclusione dell’evento è stata affidata alla voce di Patrizia Bovi che ha cantato un passo del Purgatorio accompagnata dalla musica dell’arpa.

Alla realizzazione dei testi hanno partecipato Donata Castagnoli, Massimiliano Dragoni, Damiano Frascarelli, Stefania Lillocci, Paolo Lupattelli, Gessica Mantovani, Lucia Pallaracci, Giulio Proietti Bocchini (anche curatore), Luigi Proietti, Cristina Roccaforte e Daniele Sini.

I lavori della presentazione sono stati moderati da Valentina Antonelli, giornalista della Rai.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*