Baby Gang: il al centro dell’incontro organizzato da Digipass

 
Chiama o scrivi in redazione


Baby Gang: il fenomeno al centro dell’incontro organizzato da Digipass

Il fenomeno delle Baby Gang, sarà il focus dell’incontro “Be or not to be in a trap.2″, che ha come tema centrale “Nuovi linguaggi, mass media digitali ed i rischi collegati per le giovanissime generazioni”che avrà luogo Lunedì 14 marzo alle 16.30 al Digipass di Assisi.

Il fnomeno delle Baby Gang (rischio già segnalato nel primo incontro svoltosi al POST di Perugia, ancor prima dei recenti fatti di cronaca) è una deriva comportamentale ispirata da modelli sociali deviati indotti anche da video e testi.


Di DigiPASS Assisi


Saranno fatti visionare 5 video musicali popolarissimi tra adolescenti e i relatori esporranno le loro esperienze operative territoriali di intervento e progettuali rispetto a tali tematiche.

Il tavolo sarà moderato da Francesco Gatti, Avvocato e Presidente POST con i relatori:

Veronica Cavallucci (Avvocato, Assessore Comune di Assisi)

Aldo Manuali (Giudice Onorario, Tribunale dei Minori, Pedagogista)

Fabrizio Croce (Consigliere Comune di Perugia, ideatore UJ4Kids)

Federica Pascoli (Presidente Associazione contro il Bullismo Basta il cuore)

Alessandro Deledda (Musicista, Direttore Scuola di Musica Piano Solo)

Barbara Lumaca (Insegnante Liceo Properzio Assisi)

Vincenzo Cerquiglini (Presidente St Art, ideatore ed organizzatore dell’incontro)

“Il Digipass di Assisi, gestito a partire da Settembre 2021 dal POST di Perugia insieme alla Cooperativa Sociale FARE di Assisi, ospita l’evento per aiutare a diffondere consapevolezza e su un tema di grande attualità. Il digitale è il cuore del progetto Digipass e le attività di sportello insieme all’organizzazione di eventi di informazione come “Be or not to be in a trap 2” sono fondamentali per supportare ed educare la comunità ad un uso consapevole degli strumenti digitali.”

Fondazione POST, in collaborazione con DigiPASS Assisi e Fare Coop. sociale, dopo poco più di un anno, torna ad occuparsi di una delle tematiche che più le sta a cuore. Quella dell’educazione dei giovani, nel superamento della povertà educativa, che diventa anche povertà di valori e di contenuti, è una delle piaghe più rilevanti al terzo anno di pandemia. Il superamento di questo dramma sociale e sanitario lascia segni indelebili sul corpo e sullo spirito dei giovani, e, grazie al confronto con tutti i soggetti coinvolti in To Be or non To Be in a Trap – 2, l’evento del 14/3/2022 può essere volano di crescita culturale e di educazione, nel pieno rispetto degli obiettivi statutari del POST. Un ringraziamento particolare a Vincenzo Cerquiglini, ideatore e motore dell’evento, e a tutti i protagonisti. Francesco Gatti – presidente Fondazione POST“.

Vincenzo “Viceversa” Cerquiglini, questo progetto di approfondimento tematico itinerante nasce nel 2019, parte dai contenuti audiovisivi diffusi attraverso il digitale, in cui le nuove tendenze giovanili percorrono vie sempre più borderline ed esprimono tra i giovanissimi profondo disagio massificato, in cui i modelli di riferimento  sono esclusivamente, o comunque predominanti, riconducibili ad una sub-cultura periferica globale che esalta il “malvivere rispetto al benessere”.

Nulla di nuovo nelle tendenze musicali alternative dell’ultimo mezzo secolo, personalmente seguo tali fenomeni da 40 anni, ma l’aspetto da analizzare, approfondire ed arginare è l’età sempre più bassa di tali fruizioni (under 14) ottenuta attraverso il “digitale dilagante” che a macchia d’olio diffonde attraverso milioni e milioni di visualizzazioni tali contenuti. I risultati di tutto ciò in termini di emulazione cominciano ad essere visibili ovunque basti pensare al fenomeno delle “baby gang”che è solo la punta dell’iceberg in termini di criticità del fenomeno. Nei decenni tra i ragazzi si è passato “tra facciamo una Rock Band a facciamo una Gang”. La musica fotografa le culture giovanili nel presente e nel divenire, non più trasgressive per una minoranza ma totalmente massificate; in questo bisogna essere profondamente consapevoli.

Federica Pascoli Associazione contro il Bullismo “Basta il Cuore” Con la nostra associazione ci siamo occupati spesso di disagi giovanili, di malcontenti legati alla crescita, di discriminazioni subite a scuola e fuori. Ora, dopo due anni di pandemia e chiusure (sia fisiche che mentali) gli adolescenti stanno gridando i loro bisogni e lo stanno facendo in modo eclatante, organizzato, errato, se vogliamo, ma stanno comunque denunciando il grande gap che stanno vivendo. Sono cambiati gli obiettivi, sono cambiati gli schemi, la cultura si è abbassata e con lei tutti i valori che ne derivano. Bisogna ascoltarli e trovare loro delle alternative che non li portino alla deriva, magari usando il loro linguaggio, i loro “miti”, cercando sempre la chiave di lettura adatta a catturare la loro attenzione.

“L’evento è a capienza limitata ed è obbligatoria la prenotazione. Per informazioni o per prenotare è possibile telefonare al numero 075813448 o mandare una mail a digipass@comune.assisi.pg.it. L’ingresso è gratuito e per accedere alla sala è necessario avere green pass in corso di validità.”

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*