Priori Serventi siglano patto amicizia con famiglia Santantoniari Gubbio

 
Chiama o scrivi in redazione


Priori Serventi siglano patto amicizia con famiglia Santantoniari Gubbio

I Priori Serventi 2022 siglano il Patto di amicizia con la Famiglia dei Santantoniari di Gubbio

Freschi di benedizione da Papa Francesco in Vaticano, dove si sono recati, ospiti dell’Istituto Serafico di Assisi, i Priori Serventi 2022 hanno stipulato e firmato il patto di amicizia con la Famiglia dei Santantoniari di Gubbio, che segna l’inizio di un legame, all’insegna, non solo della venerazione di un Santo comune, Sant’Antonio Abate ma anche a una serie di azioni legate alla solidarietà.

Presenti all’evento, Giovanni Granato, Presidente dell’Associazione dei Priori del Piatto di Sant’Antonio, che ha sottolineato l’importanza di questo patto, “che va ad arricchire il progetto già avviato dall’Associazione con altre realtà d’Italia che venerano Sant’Antonio”.

Moreno Fortini, coordinatore dei Priori Serventi 2022, ha manifestato “orgoglio nella stipula di questo patto, anche perché non è solo la venerazione a Sant’Antonio che accomuna Gubbio e Assisi ma anche una storia antica che trova le sue radici fin nell’antichità” come ha egregiamente illustrato  il professor Giovanni Zavarella, che, con una lectio magistralis, ha esposto tutti gli elementi in comune che legano Sant’Ubaldo, patrono di Gubbio, a San Francesco d’Assisi.

Il parroco, Padre Luca Paraventi, ha detto che “ci troviamo in una regione ricca di spiritualità di cui Sant’Antonio è testimone. È bello essere qua perchè un Santo ci ha fatto incontrare- ha poi aggiunto il parroco- portiamo avanti questo patto di amicizia e di pace, annuncio, Vangelo, con un’affermazione che ha fatto Cristo, non diciamo più servi ma amici”.

Il presidente della Famiglia dei Santantoniari di Gubbio, onorato da questo invito, ha detto che “questo patto è un segno di rispetto e solidarietà verso un Santo, che si prodigava verso gli ultimi, gli invisibili.”

“Orgogliosa di essere testimone di questo Patto-si è detta l’assessore alla cultura del Comune di Gubbio Giovanna Uccellani- con la speranza di essere presente a tutte le altre attività che verranno messe in campo.” Veronica Cavallucci, assessore alla cultura e alle politiche scolastiche del comune di Gubbio, ha sottolineato come “questo patto non fa altro che rafforzare un legame tra le due città che esiste già e che unisce ancora di più due comunità che si prodigano verso chi è più debole.”

Alla firma del patto, è seguito uno scambio di doni da parte delle due associazioni e non potevano mancare il piatto e la medaglia, che rappresentano la Prioranza 2022, che sono stati consegnati al Presidente della Famiglia dei Santantoniari Alberto Minelli, giunto con una piccola rappresentanza da Gubbio.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*