Grande attesa per Cambio Festival 2018: un viaggio magico nei Castelli di Assisi tra musica e arte

Grande attesa per Cambio Festival 2018: un viaggio magico nei Castelli di Assisi tra musica e arte. Freme l’attesa per Cambio Festival in scena da martedì 31 luglio a domenica 5 agosto, con una formula itinerante che abbraccia diversi Castelli del territorio Assisano. Oltre alla consueta cornice del Castello medievale di Palazzo di Assisi, altre quattro meraviglie del territorio sono location d’eccezione di questa 19a edizione: il Castello di Beviglie, il Castello di Petrata, il Castello di San Gregorio e il Castello di Sterpeto.

Ricchissima la proposta musicale: un programma ambizioso che spazia dalla musica Pop, alla musica Classica (per la prima volta a Cambio Festival), con contaminazioni Jazz, note dal Sud America, variazioni Elettroniche e di World Music. Un viaggio alla scoperta di luoghi di rara bellezza in un magico incontro tra musica, cinema, esposizioni d’arte e un’architettura dal fascino millenario.

LEGGI ANCHE: Cambio Festival Palazzo di Assisi, Ponte Levatoio, un’edizione strepitosa [foto e video]

Cambio Festival, dunque, CAMBIA: aumenta l’ampiezza del suo abbraccio al territorio, ma NON CAMBIA la qualità e l’energia creativa dell’offerta culturale, le emozioni che ogni anno sa regalare, l’atmosfera accogliente che riserva ai suoi ospiti: un appuntamento divenuto ormai imperdibile per gli amanti della buona musica e dell’arte e per i tanti affezionati che partecipano anche da fuori regione.

Come d’abitudine, non mancheranno le esposizioni artistiche ad impreziosire gli splendidi vicoli del Castello medievale di Palazzo che quest’anno ospiterà le opere di Fuderno, Cristiano Giustozzi, Chroma, Mario Bizzarri. La seconda parte di Cambio Festival 2018 si svolgerà nel mese di Settembre, con due appuntamenti all’insegna della World Music e del cinema all’aperto.

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

 

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*