Raffaele Ariante, l’uomo che arriva dal mare e crea suo Avvento in Assisi

 
Chiama o scrivi in redazione


Raffaele Ariante, l'uomo che arriva dal mare e crea suo Avvento in Assisi

Raffaele Ariante, l’uomo che arriva dal mare e crea suo Avvento in Assisi

di Mariolina Savino
Tanti i ricordi dell’infanzia quando creare il Presepe era un rito di famiglia
con i profumi del legno che arde nel camino, scorzette di arance e mandarini che emanano profumi delicati in tutta la casa….Incontriamo il creativo Raffaele Ariante, vive in Assisi, ma arriva dal mare, dalla terra dei Campi Flegrei, la terra ardente, una terra pregna di storia e leggende, una terra di tradizioni e tra le tante vuole ricordare creazioni la raffigura della Sacra Famiglia, del Presepio.

  • Raffaele ricorda che, Pasquale, suo padre, ricreava ogni anno la Santa scenografia, come amava chiamarla.

© Protetto da Copyright DMCA

Mi invitava ad aiutarlo a creare la dimora che avrebbe accolto Gesù. Almeno una settimana durava la costruzione del plastico, che ogni anno era diverso, era diverso anche rispetto allo spazio che mia mamma, come se fosse il responsabile dell’ufficio tecnico del comune per le autorizzazioni edilizie, ci concedeva, e grazie al magnanimo gesto della padrona di casa, si “edificava” la struttura che avrebbe ospitato Giuseppe e Maria, Maria colei che ha generato Dio nel suo grembo senza peccato e in modo degno e perfetto per il Figlio divino fattosi uomo.

Ecco che su questa ripetuta esperienza Raffaele Ariante ri-Crea ogni anno, così come faceva con suo padre, la scenografia della Ri-Nascita e anche quest’anno, in Assisi, in via Fortini, si può ammirare la sua inventiva creativa “AVVENTO 2020”.

Ho chiesto a frate Antonello, responsabile del “Francescanum”, uno spazio dove poter accogliere la mia reinterpretazione dell’Avvento che è ora in bella mostra sul piccolo giardino tra due alberelli.

È policromatico, in legno, così si presentano le tre figure alte due metri e alle loro spalle un fondale con una evidente raffigurazione del pesce, ΙΧΘΥΣ, il simbolo che usavano fare i primi cristiani per riconoscersi.

La tradizione rinnovata nel paese del poverello di Assisi, nel luogo più ambito che c’é, che rende tutto più magico e parla alle nuove generazioni del miracolo della nascita di Gesù.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*