Anas, arriva ad Assisi il Roadshow congiunzioni, a 90 anni di storia

Anas, arriva ad Assisi il Roadshow congiunzioni, a 90 anni di storia

Anas, arriva ad Assisi il Roadshow congiunzioni, a 90 anni di storia Appuntamento ad Assisi, il 1° maggio in piazza Santa Maria degli Angeli, con il roadshow di Anas (Gruppo Fs Italiane) “Congiunzioni”, un viaggio che attraversa l’Italia da Nord a Sud, passando per le Isole, e sosta nelle principali piazze italiane. L’iniziativa, realizzata in collaborazione con Polizia di Stato, è stata organizzata in occasione del Novantesimo anno di Anas e resterà nella città umbra fino al 2 maggio.

Partner dell’iniziativa Scania, TgR Rai e Radio Italia. A bordo del truck di ultima generazione Scania, i visitatori potranno ripercorrere la storia dei novant’anni dell’azienda attraverso il nuovo Museo virtuale di Anas, l’installazione “Mi ricordo la strada”, che ha lasciato il salone della Triennale di Milano per diventare itinerante, il documentario dal titolo “Strade – 90 anni di storia italiana” realizzato da Rai Cultura e il libro fotografico La strada racconta realizzato dall’Agenzia ANSA.

Leggi anche: Umbria, lavori sulla SS75 “Centrale Umbra” a Santa Maria degli Angeli

Il truck sarà affiancato dal pullman azzurro della Polizia di Stato intorno al quale sorgerà un vero e proprio villaggio dedicato all’educazione stradale. Ci sarà spazio anche per l’intrattenimento con l’animazione del Dj di Radio Italia Mirko Mengozzi e per il cooking show dello chef Valentino Palmisano che, sulle note musicali del DJ, preparerà un piatto “da viaggio” con prodotti tipici locali svelando alcuni segreti culinari.

Il 2 maggio il truck si sposta davanti al teatro Lyrick (viale Gabriele D’annunzio a Santa Maria degli Angeli) dove si terranno gli incontri didattici dedicati alla sicurezza stradale in cui operatori della Polizia Stradale, specificatamente formati nel settore della comunicazione, si rivolgeranno agli studenti delle scuole della provincia.

Alle ore 10.30 la conferenza stampa con l’Amministratore Delegato di Anas Gianni Vittorio Armani, il Direttore della Polizia Stradale Giovanni Busacca, il Responsabile Marketing di Italscania Giancarlo Perlini e il Sindaco di Assisi Stefania Proietti.

Il progetto di valorizzazione della Perugia-Ancona: “La Strada di Francesco”

Sempre il 2 maggio alle 11.30, al teatro Lyrick, si terrà il convegno, aperto al pubblico, sul nuovo progetto di valorizzazione degli itinerari spirituali e turistici attraversati dalla Perugia-Ancona che diventerà ‘La Strada di Francesco’. All’evento parteciperanno Catiuscia Marini, Presidente della Regione Umbria; Luca Ceriscioli, Presidente della Regione Marche; Ennio Cascetta, Presidente Anas; Gianni Vittorio Armani, Amministratore Delegato Anas; Domenico Sorrentino, Vescovo di Assisi; Stefano Brufani, docente di Studi Francescani presso l’Università degli Studi di Perugia; Paolo Desinano, già docente di sistemi informativi per il turismo presso CST di Assisi.

Modera la tavola rotonda il Direttore del Corriere dell’Umbria Franco Bechis. Aprirà l’evento Frate Alessandro con un’introduzione musicale e Frate Ferdinando Campana porterà un’importante testimonianza.

Il Roadshow “Congiunzioni” e il Museo virtuale MUVIAS

Il truck dopo Assisi, proseguirà per Olbia (4-5 maggio)Salerno (8-9 maggio)Reggio Calabria (13-14 maggio), per arrivare il 16 maggio a Catania, dove si celebrerà la chiusura del tour con una due giorni dedicata alla mobilità del futuro e all’innovazione.

A bordo del truck uno spazio web dinamico e interattivo dedicato al nuovo Museo Virtuale di Anas (MUVIAS), che racconta la crescita economica e sociale dell’Italia e quella della sua rete viaria. Sviluppato in collaborazione con ITABC CNR, l’istituto per le tecnologie applicate ai beni culturali, e la società Riversman, partner per lo sviluppo tecnologico, il museo virtuale raccoglie contributi anche da altri operatori pubblici e privati, rappresentando quindi un aggregatore di contenuti messi a sistema per anni e per temi.

2 Commenti

  1. SI LEGGE: Incontri didattici dedicati alla sicurezza stradale…
    L’USR per l’Umbria il 21 marzo ha pubblicato la nota e il relativo Calendario “La Polizia di Stato, in collaborazione con ANAS, promuove il progetto di sicurezza stradale “Congiunzioni”, un roadshow sulle strade italiane, che celebrerà anche il compimento, nel 2018, dei 90 anni di Anas. L’iniziativa coinvolge sette città italiane attraverso un tour dedicato alla sicurezza stradale, raccontando la storia di Anas attraverso le sue strade. Nelle città coinvolte (Trieste, Reggio Emilia, ASSISI, Olbia, Salerno, Reggio Calabria, Catania), verrà allestito, uno spazio dedicato alla sicurezza stradale, al fine di coinvolgere giovani e adulti”

    Il coinvolgimento della Città di Assisi nei giorni 1 e 2 maggio, pertanto, si sarebbe dovuto sapere da tempo… a parte il comunicato stampa con sorrisi scontati dei Nostri Illustri Amministratori, quando si inizia a programmare e conseguentemente ad informare i Signori Cittadini???

    Insegno in una Scuola Primaria del Territorio, ove non ho letto alcuna informazione a firma di Sindaca e Assessore competente in merito a queste importantissime giornate per la crescita consapevole e attiva dei nostri giovani Cittadini… Mi auguro che l’Assessore alle Politiche Scolastiche, pur “trascurando” i Plessi di competenza Comunale, abbia almeno pensato di informare gli Istituti Scolastici Secondari di Secondo Grado…

    PS
    Mercoledì 16 maggio Assisi sarà Città di Tappa del Giro d’Italia.
    Chissà se e con quanto anticipo verrà emessa ordinanza di chiusura scuole???
    Non solo per i prevedibili disagi legati alla circolazione, ma anche per permettere agli studenti di essere presenti e parte attiva nella Promozione del territorio…

  2. Perchè dovrebbero chiudere le scuole per il Giro perdendo un giorno di lezione????Per andare tutti con la bandierina in mano a sventolare lungo le strade???? Forse nel dopoguerra…ah, già, dimenticavo che il sistema scuola italiano sforna scienziati a go-go…chiudiamo anche per questi stupidi motivi così non se ne fanno 3 di mesi di vacanza ma 6……che finaccia…ma ormai i buoi sono scappati…auguri per il futuro…

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*