Bilancio 2018 e Dintorni ad Assisi, parla Rino Freddii

Il territorio, tutto il territorio, è nel più totale abbandono

Bilancio 2018 e Dintorni, parla Rino Freddii

Bilancio 2018 e Dintorni ad Assisi, parla Rino Freddii

da Rino Freddii
ASSISI – L’ammiraglio Proietti e il suo equipaggio continuano a navigare a vista, senza seguire una rotta programmata e pianificata, ma decidendo al momento quale direzione prendere.

Ne sono testimonianza gli atti e le iniziative di questi venti mesi di governo: la “fantasiosa” Fertility Room, Universo Assisi (di cui noi comuni cittadini non conosciamo né le uscite e né le entrate), il flop di Umbria in Moto, le minacciate dimissioni dell’assessore al turismo e quelle imposte alla collega del sociale, le innumerevoli ordinanze sul traffico, il rallentamento dei lavori pubblici (non sono terminati nemmeno gli interventi avuti in eredità), l’insensata modifica della pianta organica, la tournée nelle frazioni durante la quale non è stato presentato alcun progetto esecutivo e così via via fino al recentissimo sterile incontro con i cittadini per i cosiddetti varchi.

Un miscuglio di inefficienza e improvvisazione che unito all’inesperienza e alla mai sopita supponenza non fa ben sperare per il futuro. Ci stiamo avviando alla scadenza del secondo anno di mandato ed è a dir poco difficile, se non impossibile, individuare quelle che sono le opere pensate, progettate e finanziate da questa Amministrazione di sinistra.

Il territorio, tutto il territorio, è nel più totale abbandonoBuche, erbacce, segnaletica orizzontale non più leggibile, sporcizia ovunque: questo è ciò che i residenti e gli ospiti vedono e, purtroppo spesso inascoltati, denunciano. A tutto ciò i consiglieri di centrodestra hanno contrapposto un’azione esemplare svolgendo il ruolo di opposizione con puntualità, incisività e indiscussa capacità cosa che sicuramente continueranno a fare anche in futuro avanzando proposte concrete e unitarie, consapevoli come sono di “dover rimediare” agli errori dell’ultima campagna elettorale, non solo per riportare sotto un unico tetto la maggioranza degli elettori assisani che è stata costretta a dividersi, ma anche e soprattutto per il bene di Assisi.

Fra pochi giorni verrà presentato il bilancio 2018 e ci auguriamo che non sia “ermetico” come quello dell’anno passato dove, per tentare di nascondere la mancanza totale di idee e in barba alla tanto sbandierata trasparenza, figuravano solo voci generiche difficilmente valutabili e monitorabili.

Da quello che si legge sui media, sembra che sia stata accettata la proposta della Lista Bartolini e Fratelli d’Italia di utilizzare parte dell’imposta di soggiorno per abbassare l’incidenza del costo della nettezza urbana, nulla si sa invece sulla richiesta di Uniti per Assisi riguardante alcuni lavori da eseguire a S. Maria degli Angeli, Petrignano e Rivotorto.

Staremo a vedere.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*