Gli appuntamenti di fine settimana, da non perdere, al circolo Fortini

Sabato 20 il concerto Villaçicos de Navidad” dell' Ensemble "La Doss’Aura". Domenica 21 Viaggio in Valnerina conversazione di Vittoria Garibaldi

Gli appuntamenti di fine settimana, da non perdere, al circolo Fortini

ASSISI – Si inizia il weekend culturale del circolo alle ore 18 con il concerto Villaçicos de Navidad – La natività nella musica polifonica del XV secolo in Spagna, eseguito dell’ Ensemble “La Doss’Aura” con Sergio Maccabei Mastro concertatore e Elisabetta Maccabei, voce recitante. Ingresso libero

Prosegue invece domenica 21, alle ore 17 la collaborazione tra Oicos riflessioni e la Società Culturale Fortini: Viaggio in Valnerina. Capolavori e storie prima e dopo il sisma, sarà il tema della conversazione di Vittoria Garibaldi con interventi di Riccardo Regi, vicedirettore del Corriere dell’Umbria e Bernardino Sperandio, fotografo e restauratore, e di Paolo Ansideri. Conduce Enrico Sciamanna, letture di Francesca e Enrico Sciamanna.

L’appuntamento è inserito nell’ambito del ciclo “Beni culturali e paesaggistici”che ha già visto succedersi gli incontri su “L’opera d’arte tra conservazione, fruizione e comunicazione” con V.Garibaldi e “Il cibo nell’arte, 2018 anno del cibo italiano” con P. Mercurelli Salari e E. Sciamanna

Viaggio in Valnerina per una ricostruzione mediatica dell’immagina collettiva

L’immagine che tutti noi abbiamo nella memoria del sisma del 1997, è quella del crollo della volta della Basilica di San Francesco, mentre quella del sisma del 2016,  sono le impalcature intorno ai resti della Basilica di San Benedetto. Nessuno si è chiesto se proprio questa fosse l’immagine da consegnare alla memoria collettiva e alla storia mediatica. Nella serie di articoli comparsi sul Corriere dell’Umbria dal dicembre 2016 fino allo scorso dicembre Vittoria Garibaldi ha imposto questa domanda e ci ha fornito una dettagliata risposta.

Un’operazione di decostruzione dell’icona simbolo del terremoto, per iniziare un lento e paziente lavoro di ricostruzione nell’opinione pubblica della multiforme immagine non semplificabile nell’unicità del simbolo mediatico. E’ stato questo un accompagnamento didascalico, didattico, pregno delle suggestioni di una “cultura dei monti” , all’interno di una pluralità di siti ed opere che, supportate dalla lunghezza della storia che li ha formati, reclamano la dignità della conoscenza, per poter aspirare a memoria e conservazione.

L’appuntamento organizzato dalle due associazioni, intende contribuire a questa doverosa ricostruzione, inserendo all’interno della propria programmazione questa prima presentazione dei tanti viaggi in Valnerina compiuti dall’autrice e dal fotografo Sperandio.

Il viaggio della Garibaldi rappresenta un grande atto di impegno civile per restituire ai lettori, la dignità di storia e civiltà del Centro Italia da sempre dispersa in valli, colline e monti e non riconducibile ad un unico monumento simbolico. Mettendo davanti ai nostri occhi le immagini di allora e quelle di oggi, le storie e le leggende, siamo stati costretti a capire che cosa andava custodito e che cosa non possiamo permetterci di lasciare nell’oblio.

Ora sappiamo e sapere ci costringe a fare, e non solo a lasciar fare ai tecnici. Oicos e Fortini accettano questo messaggio e vogliono contribuire a questa necessità di conoscenza collettiva, aprendo i propri spazi al resoconto della “spedizione dell’esploratore” che dalla carta diventa narrazione orale e rappresentazione fotografica.  C’è nei progetti dell’autrice la pubblicazione della raccolta degli articoli in un unico  libro, ma nel frattempo ad Assisi per la prima volta, si avrà la possibilità di ascoltarla raccontare i suoi appunti di viaggio: dalla chiesa di San Francesco a Norcia a San Salvatore in Campi, e poi San Leonardo a Montebufo, Santo Stefano a Nottoria, San Pellegrino a San Pellegrino, San Martino a Legogne, Sant’Egidio a Poggio di Croce, fino a San Giovanni di Vallo di Nera per un totale di oltre 50 siti, custoditi finora da qualcuno fuori dal nostro sguardo.

Prossimi appuntamenti Fortini-Oicos

  • Venerdì 26 gennaio, ore 17.00 – “Eventi, cultura, turismo e impatto economico” conferenza di Cecilia Chirieleison con il patrocinio di Confcommercio, Federalberghi, Confesercenti, CNA, Confartigianato
  • Sabato 27 gennaio, ore 17.00 – “Il Metastasio, il teatro di Assisi” presentazione delle tesi di laurea di Fulvia Angeletti Il teatro Metastasio di Assisi dal 1840 al 1861 e Stefano Frascarelli La problematica degli spazi aggregativi nei centri storici urbani: il caso Assisi ed il Teatro Metastasio

Tutte le informazioni su www.oicosriflessioni.it

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*